Digitare per la ricerca

Stati Uniti

Ruolo in evoluzione dell'Argentina nel commercio globale di armi

Cache di armi sequestrate dal Ministero della Sicurezza argentino 26, 2019. (Foto: Ministero della sicurezza argentino)
Cache di armi sequestrate dal Ministero della Sicurezza argentino 26, 2019. (Foto: Ministero della sicurezza argentino)

Un recente sequestro di armi da parte delle autorità argentine di circa 1,000 e centinaia di esplosivi è il più grande nella storia della nazione, secondo i funzionari.

(Di Josefina Salomón e Carolina Sampó, InSight Crime) Mentre il sequestro di centinaia di armi ad alta potenza in Argentina e una successiva indagine offrono nuovi indizi sulle dinamiche criminali nella famigerata regione di confine con il Paraguay, il ruolo del paese nel commercio globale di armi rimane poco chiaro.

A giugno 26, autorità in Argentina sequestrarono centinaia di armi ad alta potenza e arrestarono più di 20. Le autorità hanno descritto l'operazione internazionale come la più grande nella storia del paese.

Un'indagine, iniziata alla fine di 2018, ha scoperto che le armi - inclusi fucili, mitragliatrici e munizioni antiaeree - facevano parte di una complessa operazione globale.

Gli investigatori hanno affermato che le parti spedite dagli Stati Uniti e dall'Europa sono state assemblate in diverse località dell'Argentina. Le armi furono quindi inviate via terra al vicino Paraguay. Le autorità ritengono che le armi siano state poi vendute alle principali organizzazioni criminali del Brasile: The Primo comando di capitale (Primeiro Comando da Capital - PCC) e Comando rosso (Comando Vermelho).

InSight Crime Analysis

L'indagine sul sequestro di armi in Argentina, che è ancora in corso, ha rivelato nuovi indizi sulla dinamica criminale in uno dei punti di crisi criminali più prolifici del Sud America. Sotto, InSight Crime esamina tre principali takeaway dal busto.

1. Gruppi criminali osservano nuove rotte

Fino a poco tempo fa, gruppi criminali in Paraguay hanno agito come intermediari per il traffico di armi dagli Stati Uniti al Brasile, garantendo un flusso costante.

Ci sono diverse ragioni per questo. Sfruttando le leggere leggi sulle armi negli Stati Uniti, i gruppi criminali hanno trovato relativamente facile inviare parti di armi tramite contatti collaudati in Paraguay. Lì furono riuniti e inviati via terra in Brasile attraverso rotte comunemente utilizzate per il traffico di merci illecite.

Ma a divieto di importazione di armi imposto dal Paraguay in 2018 potrebbe aver costretto i gruppi a testare percorsi alternativi. Questo potrebbe spiegare perché c'erano così tante armi sequestrate in Argentina, qualcosa che non era mai stato visto prima.

Rodrigo Bonini, direttore delle indagini presso il ministero della Sicurezza argentino, afferma che i governi della regione devono lavorare insieme per sviluppare politiche anti-criminalità.

"Quando un paese definisce le politiche per combattere la criminalità organizzata, devono avere una prospettiva regionale, perché altrimenti i paesi esclusi saranno colpiti negativamente", ha detto a InSight Crime.

2. Criminal Eyes Set on Argentina

Il sequestro di armi in Argentina è stato storico a causa della quantità di armi da fuoco e munizioni sequestrate, ma anche perché il paese non era stato finora un attore importante nel commercio di armi regionale o internazionale.

L'Argentina ospita solo un piccolo mercato interno di armi, secondo a Relazione 2015 dall'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC).

La posizione strategica del paese, la presenza di un grande porto che funge da collegamento diretto con l'Europa, rotte consolidate di traffico di droga verso il vicino Paraguay e un storia di funzionari doganali corrotti potrebbe aiutare a spiegare perché i gruppi criminali potrebbero mettere alla prova il paese come un nuovo anello nella catena del traffico di armi.

Ma questi gruppi potrebbero affrontare nuove sfide tra i crescenti legami tra i governi della regione, in particolare nella lotta alla criminalità organizzata.

Il rapporto tra l'amministrazione del presidente argentino Mauricio Macri e le sue controparti negli Stati Uniti, che ha rafforzato negli ultimi anni, rendendo più efficaci operazioni come il sequestro di armi. Anche le autorità di Argentina, Brasile e Paraguay stanno iniziando a collaborare maggiormente mentre i tre paesi tentano di frenare l'espansione dei gruppi criminali.

3. I gruppi criminali in Brasile stanno diventando ancora più potenti

Il fatto che l'Argentina abbia solo un mercato interno di armi che manca del tipo di armi sofisticate viste nel sequestro ha costretto le autorità a cercare altrove indizi su dove fossero destinate le armi.

Sebbene non confermate, tutte le dita indicano i due gruppi criminali più potenti del Brasile - il PCC e il comando rosso - come acquirenti.

Entrambi i gruppi, in particolare il PCC, lo sono stati guadagnando potere in Brasile e a livello internazionale.

Sebbene non ci siano prove sufficienti per suggerire che il gruppo abbia tentato di espandersi in Argentina, le autorità hanno dichiarato a InSight Crime che stanno monitorando attentamente la situazione con un occhio particolare lungo il confine settentrionale del paese, dove si incontrano i tre paesi.

A giudicare dall'ultimo sequestro di armi, sono saggi farlo.


Questo articolo è stato ripubblicato con il permesso di InSight Crime ed è stato scritto con la collaborazione di Centro di studi sulla criminalità organizzata transnazionale (Centro de Estudios sobre Crimen Organizado Transnacional - CeCOT) presso l'Università di La Plata, in Argentina.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Ospite Messaggio

Citizen Truth pubblica articoli con il permesso di una varietà di siti di notizie, organizzazioni di difesa e gruppi di controllo. Scegliamo articoli che riteniamo siano informativi e di interesse per i nostri lettori. Gli articoli scelti a volte contengono un misto di opinioni e notizie, tali opinioni sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.

    1

Potrebbe piacerti anche

1 Commenti

  1. Larry N Stout 21 Agosto 2019

    "La vita non è altro che una competizione per essere il criminale piuttosto che la vittima". - Bertrand Russell

    Rispondi

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.