Digitare per la ricerca

SALUTE / SCI / TECH

Protesi di mesh vaginale - Il governo australiano si scusa con le donne per anni di dolore

Il governo australiano ha rilasciato pubbliche scuse alle donne, riconoscendo il dolore e l'agonia derivanti dalle protesi vaginali. Migliaia di donne in tutto il mondo hanno usato la rete, che la maggior parte del tempo, ha portato a sofferenza non prevista. Le cause legali sono state ora archiviate per controllare quello che viene definito il "più grande scandalo medico" di sempre.

"A nome del governo australiano, dico scusa a tutte quelle donne con l'angoscia e il dolore storici derivanti dall'impianto di reti che hanno portato a risultati orribili" disse Greg Hunt, Ministro della sanità australiano. "Il mio messaggio per loro è che la tua voce è stata ascoltata, e non solo ascoltata ma interpretata", ha aggiunto Hunt, un sostegno rassicurante per le persone colpite nel suo paese.

I commenti di Hunt arrivarono dopo la commissione per gli affari comunitari del senato australiano fatto una richiesta nel numero di donne che avevano avuto protesi vaginali, così come i problemi relativi agli impianti. L'inchiesta era stata informata dalle storie di orrore delle donne nel paese che avevano protesi a rete e scoperto gli effetti debilitanti e le sofferenze causate dalle maglie.

Il "più grande scandalo medico"

Dall'inchiesta, il Senato ha scoperto che molte donne si erano lamentate con i loro medici dopo la procedura di impianto; i medici avrebbero poi rispolverato le loro preoccupazioni o far credere loro che erano gli unici a provare dolore.

Una vittima ha commentato: "Le donne non sono ancora credute dai loro medici. [I medici] stanno ancora impiantando delle reti e dicono alle donne che è una nuova maglia ed è la stessa trama ".

Secondo l'inchiesta, i medici erano o "senza tracce" degli effetti delle maglie sulle donne, o deliberatamente minimizzavano le lamentele delle donne.

Parlando al comitato, un'altra donna ha parlato di come è andata dal suo medico per un periodo di oltre due anni lamentandosi di vari problemi pelvici, che lei sospettava fossero causati dall'impianto a maglie. Ha detto che ci sono voluti altri mesi 12 perché il dottore potesse finalmente suggerire che il problema poteva essere la mesh, e lei è stata poi informata che lei era l'unica paziente con complicazioni a maglie.

Un'altra donna ha confessato al comitato dicendo: "Ho iniziato a temere di frequentare il GP (medico generico) per paura di sentirmi come un ipocondriaco, di nuovo licenziato e ho detto che era molto improbabile che i miei sintomi fossero dovuti alla rete, e tutti la "campagna pubblicitaria su internet" non doveva essere creduta comunque. "

Confermando queste segnalazioni alla commissione, la Sig.ra Stella Channing dell'Australian Pelvic Mesh Support Group (APMSG) ha detto: "Quello che succede è che le donne che soffrono con il loro dolore e complicazioni come l'erosione delle maglie o che stanno sanguinando vanno dal loro medico - e, a dire il vero, inizia a livello di GP. I medici di medicina generale non capiscono le complicazioni delle maglie o delle maglie e le donne di solito vengono derubate. "

"Potrebbero essere inviati per una scansione o una radiografia e vengono inviati via. La radiografia ritorna senza niente e poi i medici dicono "non c'è niente di sbagliato in te perché non mostri niente". Le donne tornano ancora e ancora ai medici e vengono mandate via, e i medici dicono "non sappiamo di cosa si tratta". Alcune donne vanno avanti per anni in quello stesso ciclo ", ha aggiunto.

In seguito a queste rivelazioni, il senatore Derryn Hinch, un membro partecipante dell'inchiesta, ha definito la situazione "il più grande scandalo medico di sempre" nella storia dell'Australia.

Hunt ha promesso che il governo avrebbe esaminato la questione e coinvolto tutte le parti interessate nel fornire una soluzione duratura, poiché "troppe donne hanno sofferto per troppo tempo".

Protesi di mesh vaginali: un grosso problema in tutto il mondo

L'Australia non è l'unica nazione in cui gli impianti a rete vaginale stanno andando male. Rapporti della Food and Drug Association (FDA) dimostrare che le procedure di impianto 100,000 vengono eseguite ogni anno, e di queste, decine di migliaia di persone sbagliano e di conseguenza si verificano centinaia di decessi.

Donne provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia e altre parti del mondo hanno depositato o aderito azioni legali collettive contro i produttori di maglie nel tentativo di chiedere un risarcimento per la loro sofferenza. Le aziende che devono affrontare queste numerose cause includono American Medical Systems, Johnson & Johnson, CR Bard Coloplast e Cook Medical, che sono alcuni dei più grandi produttori di protesi vaginali.

Il riconoscimento della sofferenza da parte del governo australiano è un passo nella giusta direzione e un incoraggiamento a tutte le altre donne che sopportano il dolore atroce in silenzio. Tuttavia, Danny Vadasz del Health Issues Center pensa che le scuse non siano sufficienti: "Penso che le persone abbiano ancora bisogno di una spiegazione sul perché i vari sistemi di regolamentazione che dovrebbero proteggere il pubblico falliscono".

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Alex Muiruri

Alex è uno scrittore appassionato nato e cresciuto in Kenya. Ha una formazione professionale come funzionario della sanità pubblica ma ama scrivere di più. Quando non scrive, ama leggere, fare attività di beneficenza e passare il tempo con amici e familiari. È anche un pianista pazzo!

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.