Digitare per la ricerca

MEDIO ORIENTE

'Deja Vu' di Iraq War Lies mentre Mike Pompeo incolpa l'Iran per l'attacco Tanker senza un solo brandello di prove

Due petroliere danneggiate nel Golfo di Oman al largo della costa dell'Iran
Due petroliere danneggiate nel Golfo di Oman al largo della costa dell'Iran (Foto: Screenshot YouTube)

"Il segretario Pompeo non fornisce prove, ma insiste che l'Iran è responsabile per gli attacchi navali nel Golfo di Oman. Bugie, menzogne ​​e altre bugie per giustificare la guerra. "

In una conferenza stampa che immediatamente ricordi evocati in vista dell'invasione di 2003 in Iraq, il segretario di stato americano Mike Pompeo ha affermato che l'Iran era dietro presunti attacchi a due petroliere nel Golfo di Oman senza presentare un solo brandello di prove.

"Ricordo le bugie in Iraq. So che questa amministrazione è senza verità da cima a fondo e completamente fuori da entrambe le parti. "
-Charles Pierce, Scudiero

"Questa valutazione si basa sull'intelligence, sulle armi utilizzate, sul livello di esperienza necessario per eseguire l'operazione, sui recenti attacchi iraniani simili alle spedizioni e sul fatto che nessun gruppo di delegati che opera nell'area ha le risorse e la competenza per agire con tale alto grado di sofisticazione ", ha detto Pompeo, che non ha fornito dettagli sull'intelligenza che ha citato.

Dopo aver affermato che l'Iran era anche dietro una litania di attentati prima dell'incidente dell'autocisterna di giovedì - ancora una volta senza presentare alcuna prova - Pompeo ha detto: "Nel complesso, questi attacchi non provocati rappresentano una chiara minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali".

Pompeo, che ha una lunga storia di fare false affermazioni sull'Iran - non ha fatto domande ai giornalisti dopo le sue osservazioni, trasmesse in diretta sulle principali reti televisive americane.

"Mike Pompeo ha zero credibilità quando si parla di Iran", ha detto Jon Rainwater, direttore esecutivo di Peace Action Common Dreams. "Da tempo fa attivamente campagne per uno scontro con l'Iran. Ha una storia di spinte alle teorie fasulle senza prove come l'idea che l'Iran collabori strettamente con al-Qaeda. "

"Ancora una volta Pompeo non sta aspettando che arrivino le prove", ha detto Rainwater, "sta raccogliendo fatti adatti alla sua campagna per lo scontro con l'Iran".

Medea Benjamin, co-fondatrice del gruppo anti-guerra CodePink, ha caratterizzato il discorso di Pompeo come un "deja vu" dell'ex segretario di Stato Colin Powell infame armi di distruzione di massa prima dell'ONU in 2003, che ha motivato l'invasione dell'Iraq da parte dell'amministrazione Bush.

"Il segretario Pompeo dà zero prove ma insiste che l'Iran è responsabile degli attacchi navali nel Golfo di Oman questa mattina", ha scritto su Twitter Benjamin. "Bugie, menzogne ​​e altre bugie per giustificare la guerra. Non lasciamoci ingannare in un'altra guerra disastrosa! "

In un colonna seguendo il discorso di Pompeo, ScudieroCharles Pierce ha scritto che lui "non sta comprando questo in meno."

"Ricordo le bugie in Iraq", scrisse Pierce. "So che questa amministrazione è senza verità da cima a fondo e da entrambe le parti. Non mi fido del governo saudita per quanto posso lanciare una sega per ossa. E questo presidente si sente molto come se stesse correndo verso il basso al momento e ha bisogno di una distrazione ".

"E il suo segretario di stato è uno scrittore di congressi di terza categoria del Kansas che una volta consigliò ai soldati americani di disobbedire agli ordini leciti e che sta combattendo molto al di sopra della sua classe di peso", ha aggiunto Pierce. "Inoltre, John Bolton è composto da otto tipi di maniaco."

Su Twitter, Trita Parsi - fondatrice del National Iranian American Council - fece eco a Pierce, scrivendo: "Un bugiardo seriale è il presidente. Un guerrafondaio e un costruttore seriale che ci ha aiutato a farci entrare nella disastrosa guerra in Iraq e che ha sabotato numerosi tentativi di diplomazia è il consigliere [della sicurezza nazionale] ".

"Ma vai avanti, i media, considera le accuse di Pompeo come 'prove' ..." aggiunse Parsi.

As Common Dreams riportato in precedenza, i critici hanno avvertito che i tempi e gli obiettivi degli attacchi delle petroliere di giovedì suggeriscono che avrebbero potuto essere uno sforzo deliberato per "manovrare gli Stati Uniti in una guerra" con l'Iran.

Funzionari iraniani hanno negato ogni responsabilità per gli attacchi.

In un tweet che segue le esplosioni nel Golfo di Oman, giovedì, il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif ha dichiarato: "Sospettoso non inizia a descrivere ciò che probabilmente è emerso questa mattina".

L'azione Rainwater of Peace ha detto che è necessario "calmare le tensioni pericolose dell'attuale momento" per indagare in modo imparziale sull'incidente delle petroliere.

Ma la dichiarazione di Pompeo è servita solo ad aumentare ulteriormente le tensioni e avvicinare Stati Uniti e Iran a un conflitto militare, ha dichiarato Rainwater.

"In un momento in cui il mondo ha disperatamente bisogno di teste più fredde per ridurre le tensioni nel Golfo, il Segretario di Stato americano sta invece soffiando le fiamme", ha detto Rainwater. "I nostri funzionari eletti devono ora spingere per la diplomazia per portarci via dall'orlo della guerra".

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Ospite Messaggio

Citizen Truth pubblica articoli con il permesso di una varietà di siti di notizie, organizzazioni di difesa e gruppi di controllo. Scegliamo articoli che riteniamo siano informativi e di interesse per i nostri lettori. Gli articoli scelti a volte contengono un misto di opinioni e notizie, tali opinioni sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.

    1

Potrebbe piacerti anche

1 Commenti

  1. John Charles Heiser Giugno 18, 2019

    Israele, l'Arabia Saudita, l'Oman e gli Emirati Arabi Uniti, hanno sia la motivazione che la capacità di effettuare tali attacchi, per non parlare delle forze speciali del Regno Unito o degli Stati Uniti. Questo è un tempo per menti e discorsi aperti, non "scimmiette".

    Rispondi

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.