Digitare per la ricerca

NAZIONALE

Deutsche Bank conferma di avere dichiarazioni dei redditi relative a Trump

Intorno a 2500 le persone si sono incontrate nel Campidoglio del Minnesota ad aprile, 2017 per chiedere al presidente repubblicano Donald Trump di rilasciare i suoi ritorni, cedere le sue partecipazioni e rivelare i suoi conflitti di interesse. (Foto: Fibonacci Blue)
Intorno a 2500 le persone si sono incontrate nel Campidoglio del Minnesota ad aprile, 2017 per chiedere al presidente repubblicano Donald Trump di rilasciare i suoi ritorni, cedere le sue partecipazioni e rivelare i suoi conflitti di interesse. (Foto: Fibonacci Blue)

"Deutsche Bank è stata unica nel prestare denaro a Trump e spesso per motivi che sono difficili da capire."

L'ultimo capitolo di una battaglia legale in corso per scoprire le dichiarazioni fiscali del presidente Trump ha scoperto che la banca tedesca Deutsche Bank ha confermato di avere alcuni dei documenti finanziari richiesti da House Democrats martedì. La banca non ha confermato a chi appartengano esattamente i registri e i tribunali dovranno pronunciarsi a favore del Congresso per liberarli.

È noto che Deutsche Bank ha lavorato in modo univoco stretto con Trump negli ultimi decenni ed è stata citata in giudizio dai Democratici del Congresso che indagano sui documenti finanziari del presidente. Trump e tre dei suoi figli citato in giudizio per prevenire i comitati dei servizi finanziari e dell'intelligence della Camera hanno portato alla luce i documenti e la Corte d'Appello del Circuito 2nd USA sta attualmente rivedendo la legalità delle citazioni.

"Potrebbe esserci un sacco di problemi lì per il signor Trump", John Dean, un consigliere della Casa Bianca del presidente Nixon che ha contribuito a orchestrare lo scandalo Watergate, detto alla CNN martedì sera.

Dean ha parlato delle informazioni dannose che i resi potrebbero contenere, come prove di frode e corruzione o prove che la fortuna del presidente è molto più piccola di quanto sostiene. Dean includeva anche collegamenti con "persone sgradevoli" che avrebbero potuto essere firme collaterali sui prestiti come motivo dell'intensa resistenza di Trump a rendere pubblici i suoi dischi.

"Deutsche Bank è stata unica nel prestare denaro a Trump", ha detto David Cay Johnston, un giornalista investigativo che ha coperto Trump per decenni, ha detto MSNBC Martedì “e spesso per ragioni che sono difficili da capire, che secondo me hanno sempre sollevato la questione 'se stessero prestando prestiti a favore di qualcun altro in background, diciamo un oligarca russo o la Famiglia reale saudita. ”

Il conduttore di MSNBC Lawrence O'Donnell alimentato ulteriori speculazioni sul fatto che Deutsche Bank sia al centro della collusione Trump-Russia martedì sera, affermando che una fonte anonima gli ha detto che i prestiti di Trump sono stati sottoscritti da oligarchi russi.

“Questa singola fonte vicina a Deutsche Bank mi ha detto che i documenti di prestito di Trump - Donald Trump lì mostrano che ha co-firmatari. È così che è stato in grado di ottenere quei prestiti. E che i co-firmatari sono oligarchi russi. "

Più tardi nello show ha ripetuto l'affermazione, dicendo: "La fonte vicina a Deutsche Bank afferma che i co-firmatari dei prestiti della Deutsche Bank di Donald Trump sono miliardari russi vicino a Vladimir Putin".

L'affermazione di O'Donnell non è stata confermata da altri giornalisti e da MSNBC è stato criticato in passato per i suoi rapporti imperfetti e sopravvalutati sulla collusione Russia-Trump. Deutsche Bank ha rifiutato di commentare la dichiarazione di O'Donnell.

Detto questo, la banca lo è di fronte ad azioni legali per il suo ruolo nel riciclaggio di almeno $ 20 miliardi da criminali russi legati al Cremlino. Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno imposto multe per $ 630 a Deutsche per uno schema separato di riciclaggio di denaro proveniente da Mosca in 2017.

David Rothkopf, giornalista e professore di relazioni internazionali, è uno dei reporter che crede alla tesi di O'Donnell.

“Se l'unico modo in cui gli affari di Trump potevano sopravvivere era con i soldi presi in prestito e potevano farlo solo se avessero co-firmatari e le uniche persone che avrebbero co-firmato erano oligarchi russi ... hai capito? Dipendeva da loro. Loro lo possiedono quasi letteralmente " ha twittato Rothkopf.

La Deutsche Bank è stata recentemente sottoposta ad ulteriore esame per i suoi legami con Jeffrey Epstein, il trafficante di sesso di alto profilo che è morto in circostanze misteriose nel Manhattan Metropolitan Center lo scorso agosto 10.

Aggiornamento: O'Donnell ha ritirato il suo reclamo mercoledì, tweeting: “Ieri sera ho commesso un errore di valutazione segnalando un articolo sulle finanze del presidente che non è stato sottoposto al nostro rigoroso processo di verifica e standard. Non avrei dovuto denunciarlo e ho sbagliato a discuterne in diretta. Stasera affronterò il problema nel mio show. "

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Peter Castagno

Peter Castagno è uno scrittore freelance con un Master in International Conflict Resolution. Ha viaggiato in tutto il Medio Oriente e l'America Latina per ottenere informazioni di prima mano in alcune delle aree più problematiche del mondo e ha in programma di pubblicare il suo primo libro su 2019.

    1

Commenti

  1. Wayne Schoeberl 28 Agosto 2019

    Prova a stampare la verità e non sanguinare sulle storie

    Rispondi
  2. Raymond Jacinto 30 Agosto 2019

    Sta venendo fuori, le persone che hanno votato per il partito repubblicano dovrebbero essere escluse dal voto solo perché sono stupide, votano contro l'interesse dell'economia lì. Votano per i ricchi, quindi vivono alta vita, socialismo per i ricchi, manichini del capitalismo !!! !!

    Rispondi

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.