Digitare per la ricerca

NAZIONALE

Gli ex funzionari di Trump dovrebbero evitare di fare lobbying, eccetto che 33 no

Il presidente Trump firma la Transition Authorization Act della NASA di 2017
Il presidente Trump firma il Transition Authorization Act della NASA di 2017 (Foto di repmobrooks)

Gli ex funzionari - incluso l'ex ministro degli interni Ryan Zinke - hanno trovato il modo di eludere l'impegno etico dell'amministrazione. Almeno 18 di loro sono ora lobbisti federali registrati e il resto lavora in lavori che assomigliano molto al lobbismo.

(ProPublicaSono passati più di due anni da quando il presidente Donald Trump, che ha radunato i sostenitori della campagna con le chiamate per "bonificare la palude" dei lobbisti e dei loro simili, è entrato in carica. Ma nonostante quella promessa elettorale, Washington influenza i venditori ambulanti continuare a entrare e uscire da posti di lavoro nel governo federale.

Nei suoi primi giorni 10 in carica, Trump ha firmato un ordine esecutivo che ha richiesto a tutti i suoi assunti politici di firmare un impegno. Sul suo volto, è semplice e corazzata: quando i funzionari Trump lasciano il lavoro governativo, accettano di non fare pressioni sulle agenzie in cui hanno lavorato per cinque anni. Inoltre, non possono fare pressioni su nessuno alla Casa Bianca o su incarichi politici attraverso le agenzie federali per tutta la durata dell'amministrazione Trump. E non possono eseguire "attività di lobbismo, "O cose che potrebbero aiutare altri lobbisti, tra cui organizzare riunioni o fornire ricerche di base. Violare l'impegno espone gli ex funzionari a multe e divieti prolungati o addirittura permanenti in materia di lobbismo.

Ma le scappatoie, alcune delle quali considerevoli, abbondano. Almeno gli ex ufficiali Trump di 33 hanno trovato il modo di aggirare l'impegno. Il più importante è l'ex ministro degli interni Ryan Zinke, che si è dimesso a dicembre dopo una serie di indagini etiche. lui Mercoledì ha annunciato che si unirà a una società di lobbying, Turnberry Solutions, che è stato avviato in 2017 da diversi ex aiutanti della campagna Trump. Alla domanda se Zinke si registrerà come lobbista, il partner di Turnberry, Jason Osborne, ha dichiarato: "Lo farà se ha un cliente per cui vuole fare lobby".

Tra gli ex funzionari 33, almeno 18 si sono recentemente iscritti come lobbisti. Il resto lavora presso ditte in lavori che assomigliano molto alle lobby federali. Quasi tutti lavorano su questioni che hanno supervisionato o contribuito a formare quando erano al governo. (Quasi i funzionari di 2,600 Trump hanno firmato l'impegno etico in 2017, secondo l'Office of Government Ethics. Venticinque incaricati non hanno firmato l'impegno. Abbiamo usato liste di personale compilate per ProPublica Città di Trump, la nostra esauriente banca dati degli attuali incaricati politici, e ha trovato almeno 350 persone che hanno lasciato l'amministrazione Trump. Ci sono altri ex ufficiali di Trump che fanno pressioni a livello statale o locale.)

Come abbiamo riportato prima, alcuni ex funzionari si muovono in punta di piedi intorno alle regole impegnandosi in "lobbying ombra", che in genere comporta funzioni come "consulenze strategiche" che non richiedono la registrazione come lobbista. Altri hanno ottenuto deroghe speciali permettendo loro di tornare al lobbismo. In alcuni casi, hanno evitato del tutto di firmare l'impegno. La legislazione volta a colmare alcune lacune è contenuta nel pacchetto di riforma sull'etica guidato dai democratici, HR 1, "For the People Act", che ha avuto la sua prima udienza davanti al Comitato giudiziario della Camera il mese scorso. (Lo stesso disegno di legge è stato proposto nella precedente sessione del Congresso e gli sponsor citati i report di ProPublica.)

Sempre più spesso i lobbisti e le aziende che li assumono approfittano di una scappatoia unica al mondo Impegno etico di Trump: Una clausola che consente alle ex personalità politiche di fare pressioni su "qualsiasi processo di agenzia per regolamentazione, aggiudicazione o concessione di licenze" nonostante il divieto di esercitare pressione su un periodo di cinque anni. "Rulemaking" include la deregolamentazione, una priorità dell'amministrazione Trump. "La regolamentazione è principalmente ciò che le agenzie fanno, ed è quello che fanno la maggior parte dei lobbisti. Quindi si tratta di una vera e propria uscita ", ha detto Virginia Canter, ex avvocato dell'etica dell'amministrazione di Obama che ora lavora per i cittadini senza scopo di lucro per la responsabilità e l'etica a Washington. Le aziende hanno preso nota.

(n) "attività di lobbying" ha lo stesso significato che ha questo termine nella Lobbying Disclosure Act, eccetto che il termine non include la comunicazione o la comparizione in relazione a: un procedimento giudiziario; un'inchiesta, un'indagine o un procedimento di applicazione penale o civile; o qualsiasi processo di agenzia per regolamentazione, aggiudicazione o licenza, come definito e disciplinato dalla legge sulla procedura amministrativa, come modificata, 5 USC 551 e seguenti.

-Un estratto dall'impegno etico Trump

Naturalmente, la porta girevole del governo di lobbying non è nuova. L'amministrazione Obama ha assunto dozzine di lobbisti precedentemente registrati, e in seguito molti funzionari tornarono alle ditte di K Street. La "scappatoia Daschle" prende il nome dall'ex leader della maggioranza al Senato democratico Tom Daschle, che ha eluso le leggi di lobbying dopo aver lasciato il Senato diventando un "consulente politico. "

Tali influencer, più numerosi dei lobbisti registrati, sono autorizzati a operare perché non rispettano la soglia legale che li obbliga ad elencarsi come lobbisti. Per legge, è richiesta la registrazione se una persona spende 20 per cento o più delle sue attività di lobbying nel tempo. Questo lascia molto margine di manovra, ha detto Paul Miller, presidente del National Institute for Lobbying & Ethics, un'associazione per quello che chiama i professionisti della difesa. ("Siamo proprio come te", afferma il sito web dell'organizzazione). Miller ha detto di essere sentito da persone che fanno attività di lobbying, ma non si sono registrati e "i loro telefoni stanno squillando". Miller ha aggiunto: "È nostro No. Priorità e preoccupazione 1. "

Gli ex-lobbisti svolgono ruoli di primo piano nell'amministrazione Trump. L'amministratore sostituto dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente (e candidato per il posto fisso), Andrew Wheeler, è un ex lobbista dell'industria del carbone. David Bernhardt, il segretario del Dipartimento degli Interni e candidato per la posizione permanente, è stato presidente di a divisione delle risorse naturali dell'impresa di pressione.

Con il nostro conteggio, almeno I lobbisti di 230, ex e attuali, hanno lavorato nell'amministrazione Trump.

I dipartimenti del commercio, della difesa, dell'energia, degli interni, della giustizia e del tesoro, nonché l'ufficio di gestione e bilancio, non hanno risposto alle domande sui loro ex dipendenti, trasformati in lobbisti. Il Dipartimento per la sicurezza interna ha rivolto domande alla Casa Bianca, che ha rifiutato di commentare. I dipartimenti della sanità e dei servizi umani e dell'edilizia abitativa e dello sviluppo urbano hanno osservato che l'impegno etico non vieta agli ex funzionari di Trump di esercitare pressioni sul Congresso o sugli impiegati della carriera dell'agenzia.

Almeno 18 ex funzionari di Trump sono diventati lobbisti registrati a livello federale. In genere, sono stati attenti a non violare l'impegno etico. Questo di solito significa che interagiscono con i rappresentanti, i senatori e il personale del Congresso, ma non con gli incaricati presso le agenzie federali o la Casa Bianca. Qui ci sono molti che sono andati in lavori di lobbying nell'ultimo anno:

Courtney Lawrence è stato un collaboratore di lunga data per i rappresentanti Bill Cassidy e Tom Price e un lobbista federale dell'associazione commerciale assicurativa America's Health Insurance Plans prima di assumere un posto come assistente segretario per gli affari legislativi in ​​Salute e Servizi Umani a marzo 2017, quando Price ha brevemente diretto l'agenzia . Lawrence è rimasto per 18 mesi prima di partire ad agosto 2018 per un ruolo di regista presso Cigna Corp., il conglomerato di assicurazione sanitaria.

Lawrence registrato come lobbista con Cigna in ottobre. La sua dichiarazione afferma che stava lavorando a proposte di modifiche a Medicare, l'Affordable Care Act e sconti sui farmaci da prescrizione. Le rivelazioni di lobbying federale dimostrano che Lawrence è stato uno dei tanti lobbisti a comunicare con le agenzie federali e la Casa Bianca, e non solo con membri del Congresso. In una dichiarazione, Cigna ha affermato che la divulgazione del lobbismo - che è stata preparata dalla società - è imprecisa. Cigna ha accusato un "problema di formattazione". La dichiarazione afferma che Lawrence "non farà e non farà pressione sul ramo esecutivo". La società ha detto che avrebbe corretto il suo modulo di divulgazione.

Un modulo di divulgazione federale depositato da Cigna indica, nella risposta a No. 17, che Courtney Lawrence esercitava pressioni sulla Casa Bianca o agenzie federali per conto della compagnia di assicurazione sanitaria. Funzionari della compagnia affermano che Cigna ha compilato il modulo in modo errato. Hanno accusato un "problema di formattazione".

Jared Sawyer, da lungo tempo avvocato del comitato del Senato e lobbista, è stato vice segretario aggiunto per la politica delle istituzioni finanziarie presso il Dipartimento del Tesoro, supervisionando due uffici che regolano e controllano le istituzioni finanziarie e gli assicuratori. Sawyer è stato il principale responsabile delle politiche in merito a una serie di modifiche alle regole proposte che garantivano che le società di gestione patrimoniale e assicurative non si trovassero alle stesse regole delle banche.

A giugno, Sawyer se ne andò e prese un posto di lavoro principal presso Rich Feuer Anderson, una società di lobbying di Washington che si occupa dell'industria dei servizi finanziari. Ha rivelato una miriade di clienti, tra cui BlackRock Capital, JPMorgan Chase e la Property Casualty Insurers Association of America, che stavano cercando indicazioni per la navigazione negli uffici di Sawyer nell'amministrazione Trump. Rich Feuer Anderson non ha risposto alle richieste di commento.

Jason Larrabee è stato il vice segretario aggiunto del Dipartimento degli Interni per Fish and Wildlife and Parks prima di fare un lavoro di lobbying a Van Ness Feldman a maggio. Nell'annunciare le assunzioni di Larrabee, Van Ness Feldman ha notato la sua "profonda comprensione delle industrie dei nostri clienti". Larrabee ha principalmente esercitato pressioni sui leader del Congresso su questioni esclusive del Dipartimento degli Interni, tra cui le concessioni del National Park Service, la politica idrica della California e gli stanziamenti del Dipartimento dell'interno. In una dichiarazione, Van Ness Feldman ha detto che Larrabee ha firmato l'impegno etico e sta seguendo le sue regole.

Larrabee ha lavorato su almeno un progetto che coinvolge l'agenzia per la quale ha lavorato. Van Ness Feldman è stato assunto lo scorso anno per rappresentare la società di servizi di traghetti con sede a San Francisco, Hornblower Cruises and Events, che stava cercando un nuovo contratto con il Dipartimento degli Interni per condurre i traghetti passeggeri per l'isola di Alcatraz. I registri del Congresso mostrano quattro lobbisti, tra cui Larrabee, che lavorano per Hornblower. Larrabee è l'unico con precedenti esperienze lavorative del governo federale.

L'ex funzionario degli interni Jason Larrabee ha presentato una scheda informativa che mostrava che, a Van Ness Feldman, lavorava per un cliente in cerca di un contratto con il National Park Service del Dipartimento degli Interni. Sotto la domanda n. 18, il modulo elenca Larrabee come l'unico lobbista con esperienza lavorativa federale precedente.

Larrabee "non si è impegnato in alcun contatto con l'agenzia DOI" e "tutti questi contatti sono stati intrapresi da altri individui" elencati nelle divulgazioni di lobbying, ha detto Van Ness Feldman. A dicembre, Hornblower ha ottenuto un contratto annuale 15 da parte del servizio National Park per gli interni per gestire i traghetti Alcatraz.

(In risposta alle domande di ProPublica, Van Ness Feldman ha anche detto che avrebbe corretto altri rapporti di divulgazione della lobby preparati dalla società, che ha erroneamente elencato Larrabee e altri come lobby del dipartimento degli Interni. "L'azienda prende sul serio gli obblighi etici", ha detto in la sua dichiarazione.)

Jonny Slemrod è stato il principale aiuto legislativo per Mick Mulvaney all'OMB. A novembre, è diventato socio di Harbinger Strategies, una società di lobbismo boutique fondata da ex aiutanti della maggioranza House Eric Cantor e dal senatore Trent Lott. Slemrod disse a Politico in quel momento che si sarebbe iscritto come lobbista, ma tre mesi dopo, non ha ancora fatto. In OMB, Slemrod ha aiutato ad ottenere il sostegno del Congresso per la riforma fiscale e la legge sull'occupazione di 2017 e, secondo il suo parere biografia online, è stato il "principale contatto" di Mulvaney con il Congresso e negoziatore su numerose questioni politiche, inclusi tutti gli stanziamenti e le misure autorizzative. "Harbinger ha esercitato pressioni per conto delle maggiori banche della nazione durante i negoziati sulla legge fiscale. Ora, l'azienda impiega una persona che ha contribuito a formulare la legge, tuttavia, a causa della mancanza di divulgazione, è impossibile determinare se Slemrod è coinvolto in tale lavoro. Harbinger non ha risposto alle richieste di commento.

Tra gli altri ex dirigenti di Trump, tra cui lobbisti registrati Shannon McGahn, un ex procuratore del Tesoro (e moglie dell'ex consigliere della Casa Bianca Don McGahn), che ora è il principale lobbista dell'Associazione Nazionale degli Agenti Immobiliari; Alex Campau, una politica sanitaria della Casa Bianca aiuta ora il team di lobby della salute a Cozen O'Connor; Downey Magallanes, che era vice capo dello staff per la politica interna prima di dirigere Capitol Hill a fare pressione per BP America; Matt Kellogg, che era vice segretario aggiunto del Dipartimento del Tesoro per il settore bancario e finanziario prima di svolgere un lavoro di lobbying presso HSBC; Beth Zorc, che ora lavora come capo della politica pubblica a Wells Fargo dopo un periodo come vice deputato generale consulente di Housing and Urban Development; e Hunter Hall, che ha ricoperto il ruolo di vicedirettore del Dipartimento del Commercio prima di assumere un posto come vicedirettore degli affari federali presso il Gruppo Picard. Chris Shank, un alto consigliere del segretario dell'Aeronautica militare Heather Wilson, lasciato per unirsi alla società di lobbying Van Scoyoc Associates, è poi tornato al Dipartimento della Difesa in agosto 2018 come direttore dell'Ufficio Strategic Capabilities. (La BP America ha detto che Magallanes sta solo facendo pressioni su Camera e Senato, e HSBC ha detto che Kellogg è in regola con le regole di lobbying e onora l'impegno etico.) Wells Fargo ha rifiutato di commentare. Cozen O'Connor, Picard Group e il Dipartimento della Difesa non hanno risposto richieste di commento).

Una tattica sempre più comune da parte dei funzionari di Trump è quella di creare le proprie società di consulenza e consulenza che ignorano attentamente la linea tra lobby e altri servizi, come le comunicazioni strategiche o di crisi, il lavoro di advocacy o l'esperienza politica. Dopo aver lasciato il Dipartimento della Difesa l'anno scorso, Sally Donnelly e Tony DeMartino formò Pallas Advisors, descritta come una società di consulenza strategica con "decenni di esperienza a livello senior nel settore pubblico e privato" e fornendo "informazioni su come i governi pensano e operano", secondo il suo sito web. Donnelly e DeMartino avevano precedentemente lavorato insieme a una società di consulenza strategica che Donnelly possedeva, SBD Advisors, con un elenco di clienti che includeva Amazon Web Services, Bloomberg e Uber.

Donnelly e DeMartino sono sotto esame. Il gigante tecnologico Oracle è coinvolto in una causa giudicata da vicino con il Pentagono oltre un $ 10 miliardi di contratto di cloud computing che gli esperti si aspettano che Amazon vinca. Oracle sostiene, tra le altre cose, che il Dipartimento della Difesa ha permesso a Donnelly e DeMartino di lavorare sul progetto nonostante i conflitti di interesse. Oracle sostiene che DeMartino ha manipolato i requisiti della proposta per il beneficio di Amazon. (Il Government Accountability Office ha esaminato tali affermazioni e ha rilevato che Donnelly non ha svolto alcun ruolo significativo nel processo di selezione del contratto e che DeMartino non ha svolto alcun ruolo sostanziale nei requisiti della proposta.)

Nella loro nuova azienda, Pallas, Donnelly e DeMartino non devono rivelare i loro clienti. Un portavoce di Pallas, l'avvocato Michael Levy, ha detto che Donnelly e DeMartino hanno firmato l'impegno etico, rispettano tutte le restrizioni post-governative e non fanno pressioni.

Scott Krause è stato segretario esecutivo presso il Department of Homeland Security, supervisionando i briefing e fungendo da gatekeeper per la leadership senior del dipartimento. Ha lasciato dopo più di un anno di lavoro, a maggio 2018, per avviare la propria società di consulenza, Krause Transformation. Il suo sito web dice che l'azienda "fornisce consulenza sulla trasformazione del business, Dipartimento di Homeland Security (DHS)" e altri servizi.

Krause ha detto a ProPublica che ha firmato l'impegno etico e non ha intenzione di fare lobby, aderendo ad un memo di cinque pagine che ha ricevuto dal consiglio generale della Sicurezza Nazionale. Ma mentre non riesce a parlare con la maggior parte dei suoi ex colleghi della Homeland Security, ha detto che gli è permesso offrire "dietro le quinte l'assistenza di un'azienda per quanto riguarda il DHS, motivo per cui la mia azienda offre competenza DHS".

Il lavoro "Dietro le quinte" è un'area grigia nelle lobby del governo e nei circoli legali, consentendo agli ex funzionari governativi di aiutare i clienti a navigare nei processi e nelle relazioni federali senza violare le leggi sul conflitto di interessi. "C'è sempre stata una domanda su ciò che è permesso per quanto riguarda la comunicazione davanti al governo federale e ciò che è permesso dietro le quinte", ha detto Canter. Quando le imprese rappresentano interessi stranieri o lavorano su questioni commerciali, Canter e altri hanno affermato che entrano in vigore restrizioni legali. Quando non lo fanno, di solito è un gioco leale.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Ospite Messaggio

Citizen Truth pubblica articoli con il permesso di una varietà di siti di notizie, organizzazioni di difesa e gruppi di controllo. Scegliamo articoli che riteniamo siano informativi e di interesse per i nostri lettori. Gli articoli scelti a volte contengono un misto di opinioni e notizie, tali opinioni sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.