Digitare per la ricerca

AMBIENTE

Come le raffiche di vortici polari frigidi sono collegate al riscaldamento globale

Donna che cammina in una bufera di neve.
Donna che cammina in una bufera di neve. (Immagine via Pixabay)

Una manciata di studi offre prove convincenti che il vortice polare stratosferico sta cambiando.

(Di Jennifer Francis, Rutgers University The Conversation) Un'ondata di freddo da record sta mandando brividi letterali lungo le spine di milioni di americani. Si prevede che le temperature nel Midwest superiore scenderanno sotto la norma di un sorprendente 50 gradi Fahrenheit (28 gradi Celsius) al di sotto della norma - a partire da gradi 35 sotto lo zero. Pila un vento rafficato in cima, e l'aria si sentirà come -60 F.

Temperature prevedibili dell'aria superficiale (F) per mercoledì mattina, gennaio 30, 2019. Previsione del modello del Global Forecast System di NOAA.
Tempo pivotal, CC BY-ND

Questo freddo non è niente da starnutire. Il servizio meteorologico nazionale sta avvisando di condizioni brutali e pericolose per la vita. Frostbite colpirà velocemente su qualsiasi pelle esposta. Allo stesso tempo, il Polo Nord si trova di fronte a un'onda di calore con temperature prossime al punto di congelamento - circa 25 gradi Fahrenheit (14 C) sopra il normale.

Differenze predeterminate della temperatura dell'aria in superficie (C) rispetto al normale, rispetto a 1981-2010.
Tempo pivotal, CC BY-ND

Che cosa sta causando questo modello sottosopra? Hai indovinato: il vortice polare.

Negli ultimi anni, grazie alle precedenti ondate di freddo, il vortice polare si è radicato nel nostro vocabolario quotidiano e ha fatto da batticuore agli ospiti della TV a tarda notte e politici. Ma cos'è veramente? Sta fuggendo dai suoi soliti ritrovi artici più spesso? E una domanda che incombe Nel mio lavoro: In che modo il riscaldamento globale si inserisce nella storia?

Jimmy Fallon esamina i pro ei contro del vortice polare.

Fiumi d'aria

In realtà, ci sono due vortici polari nell'emisfero settentrionale, impilati uno sopra l'altro. Quello inferiore è solitamente e più precisamente chiamato il corrente a getto. È un fiume serpeggiante di forti venti occidentali attorno all'emisfero settentrionale, circa sette miglia sopra la superficie terrestre, vicino all'altezza dove volano gli aerei.

Il jet stream esiste tutto l'anno ed è responsabile della creazione e della guida dei sistemi di alta e bassa pressione che ci portano il nostro tempo quotidiano: tempeste e cieli blu, periodi caldi e freddi. La strada sopra la corrente a getto, attorno a 30 miglia sopra la Terra, è la vortice polare stratosferico. Questo fiume di vento suona anche il Polo Nord, ma solo forme durante l'inverno, e di solito è abbastanza circolare.

Le frecce scure indicano la rotazione del vortice polare nell'Artico; le frecce luminose indicano la posizione della corrente a getto polare quando i meandri si formano e il freddo, l'aria artica scende fino alle medie latitudini.
LS Gardiner / UCAR, CC BY-ND

Entrambe queste caratteristiche del vento esistono a causa della grande differenza di temperatura tra il freddo artico e le zone più calde più a sud, note come le medie latitudini. Il riscaldamento irregolare crea differenze di pressione e l'aria scorre da zone ad alta pressione a quelle a bassa pressione, creando venti. La Terra rotante trasforma poi i venti a destra nell'emisfero nord, creando queste fasce di venti occidentali.

Perché l'aria fredda si tuffa a sud

Le emissioni di gas serra derivanti da attività umane hanno riscaldato il globo di circa 1.8 gradi Fahrenheit (1 C) negli ultimi 50 anni. Tuttavia, l'Artico ha riscaldato più del doppio. Il riscaldamento artico amplificato è dovuto principalmente al drammatico scioglimento del ghiaccio e della neve negli ultimi decenni, che espone l'oceano più scuro e le superfici terrestri che assorbono molto più calore del sole.

A causa del rapido riscaldamento artico, la differenza di temperatura nord / sud è diminuita. Questo riduce le differenze di pressione tra l'Artico e le medie latitudini, indebolendo i venti del getto. E proprio come i fiumi che scorrono lentamente hanno in genere una rotta tortuosa, una corrente a getto più lento tende a serpeggiare.

Le grandi ondulazioni nord / sud nella corrente a getto generano l'energia delle onde nell'atmosfera. Se sono abbastanza ondulati e persistenti, l'energia può spostarsi verso l'alto e interrompere il vortice polare stratosferico. A volte questo vortice superiore diventa così distorto da dividere in due o più vortici roteanti.

Questi vortici "figlia" tendono a vagare verso sud, portando con sé la loro aria molto fredda e lasciandosi dietro un Artico più caldo del normale. Uno di questi mulinelli siederà sul Nord America questa settimana, offrendo temperature da brividi ossei a gran parte della nazione.

Deep Freezes in un mondo di riscaldamento

Le divisioni nel vortice polare stratosferico avvengono naturalmente, ma dovremmo aspettarci di vederle più spesso grazie al cambiamento climatico e al rapido riscaldamento artico? È possibile che queste intrusioni fredde possano diventare una storia invernale più regolare. Questo è un argomento di ricerca caldo e non è affatto risolto, ma una manciata di studi offre prove convincenti che il il vortice polare stratosferico sta cambiandoe questa tendenza può spiegare periodi di tempo invernale insolitamente freddo.

Indubbiamente questo nuovo attacco al vortice polare scatenerà nuove affermazioni sul fatto che il riscaldamento globale è una bufala. Ma questa ridicola nozione può essere rapidamente dissipata con uno sguardo alle previsioni di temperatura in partenza in tutto il mondo all'inizio di questa settimana. Il lobo di aria fredda sul Nord America è di gran lunga superato dalle aree negli Stati Uniti e nel mondo che sono più calde del normale.

Media giornaliera prevista, differenze di temperatura superficiale (C) rispetto al normale (rispetto a 1979-2000) per gennaio 28-30, 2019. Dati dal modello del Global Forecast System di NOAA.
Climate Reanalyzer, Climate Change Institute, University of Maine., CC BY-ND

I sintomi di un clima che cambia non sono sempre ovvi o facili da capire, ma le loro cause e i comportamenti futuri stanno diventando sempre più importanti. Ed è chiaro che, a volte, affrontare il riscaldamento globale significa armarsi di sciarpe, guanti e biancheria intima extra.The Conversation

Jennifer Francis, Professore invitato, Rutgers University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Ospite Messaggio

Citizen Truth pubblica articoli con il permesso di una varietà di siti di notizie, organizzazioni di difesa e gruppi di controllo. Scegliamo articoli che riteniamo siano informativi e di interesse per i nostri lettori. Gli articoli scelti a volte contengono un misto di opinioni e notizie, tali opinioni sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.