Digitare per la ricerca

MEDIO ORIENTE

Le forze irachene lanciano una nuova campagna militare contro le roccaforti dell'ISIS

Un convoglio di servizio antiterrorismo iracheno si sposta da Baghdad verso Mosul, in Iraq, come parte dello sforzo per liberare Mosul dallo Stato islamico di Iraq e Siria, febbraio 23, 2017. Foto dell'esercito di Staff Sgt. Alex Manne
Un convoglio di servizio antiterrorismo iracheno si sposta da Baghdad verso Mosul, in Iraq, come parte dello sforzo per liberare Mosul dallo Stato islamico di Iraq e Siria, febbraio 23, 2017. (Foto: foto dell'esercito di Staff Sgt. Alex Manne)

Nonostante abbia annunciato la sconfitta dell'ISIS in Iraq in 2017, l'Iraq sta ancora combattendo il gruppo militante nelle tasche del paese.

Le forze irachene, appoggiate dalle forze aeree statunitensi, hanno lanciato un'intensa campagna militare domenica per eliminare i militanti islamici dell'ISIS in tre province irachene.

Fonti militari irachene ha detto al Kurdistan 24 che la nuova operazione si sta svolgendo in quello che è noto come il "triangolo del deserto", composto da tre province nord-occidentali di confine iracheno: Anbar, Ninive e Salahualdin - tutte vicino al confine con la Siria.

Il comandante dell'operazione congiunta, il generale maggiore Abdul-Amir Yarallah, ha affermato che le forze irachene saranno affiancate dagli sciiti Hashd-Asha'bi (Forze di mobilitazione popolare), insieme alle loro controparti sunnite e agli aerei forniti dagli Stati Uniti. coalizione militare in Iraq.

Le Forze di Mobilitazione Popolare sono un'organizzazione ombrello sponsorizzata dallo stato iracheno composta da più milizie 40, in maggioranza musulmane sciita, ma comprende anche altri gruppi.

Amir-Yarallah ha detto che l'attuale azione dell'esercito è una grande operazione che mira a rimuovere gli operativi Dae'sh, o ISIS dai territori iracheni.

Nel frattempo, lunedì, le Forze di mobilitazione popolare ha annunciato l'uccisione di un importante dirigente dell'ISIS nella provincia di Anbar.

Lo scorso maggio, L'ISIS ha effettuato diversi attacchi contro obiettivi iracheni, principalmente sui giacimenti petroliferi vicino a Takrit. Durante gli attacchi, i militanti delle Forze di Mobilitazione Popolare si sono scontrati con gli insorti.

Dalla caduta di 2003 dell'ex regime iracheno del defunto presidente deposto, Saddam Hussein, le aree del confine nordoccidentale dell'Iraq hanno visto numerosi attacchi terroristici compiuti dagli insorti contro obiettivi militari e civili iracheni.

A dicembre 2017, i funzionari militari iracheni hanno annunciato la sconfitta dello Stato islamico. Tuttavia, gli attacchi del gruppo sono continuati in tutte le regioni irachene come Mosul e persino la capitale Baghdad, che non è mai caduta sotto il controllo del Daesh. Le tattiche d'assalto dell'ISIS includono imboscate e attacchi suicidi.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Rami Almeghari

Rami Almeghari è uno scrittore indipendente, giornalista e docente indipendente, con base nella Striscia di Gaza. Rami ha contribuito in inglese a diversi media in tutto il mondo, tra cui stampa, radio e TV. Può essere raggiunto su Facebook come Rami Munir Almeghari e via email come [Email protected]

    1

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.