Digitare per la ricerca

EUROPA

Momenti chiave durante il vertice G-7 a Biarritz

Il presidente Donald J. Trump si unisce alla G7 Leadership e ai membri Extended G7 mentre posano per la “foto di famiglia” al G7 Extended Partners Program domenica sera, X. 25, 2019, presso l'Hotel du Palais Biarritz, sede del vertice G7 in Biarritz, Francia. (Foto ufficiale della Casa Bianca di Andrea Hanks)
Il presidente Donald J. Trump si unisce alla G7 Leadership e ai membri Extended G7 mentre posano per la “foto di famiglia” al G7 Extended Partners Program domenica sera, X. 25, 2019, presso l'Hotel du Palais Biarritz, sede del vertice G7 in Biarritz, Francia. (Foto ufficiale della Casa Bianca di Andrea Hanks)

Un ospite inaspettato, un impegno finanziario per l'Amazzonia, colloqui commerciali e il ripristino della Russia sono solo alcuni dei temi chiave discussi al vertice 2019 G-7 di Biarritz.

Lunedì, il vertice del Gruppo dei sette 2019 (G-7) si è concluso nella località turistica francese di Biarritz, dove i leader di sette economie più avanzate del mondo si sono incontrati per il loro forum annuale sulle principali questioni globali.

Quest'anno il forum G-7 si è concluso rilasciando una dichiarazione, invece del tipico comunicato elaborato, incentrato su Iran, Ucraina, Libia, colloqui commerciali e le proteste popolari in corso contro una legge di estradizione a Hong Kong.

Le opinioni sul successo dell'incontro G-7 variavano con alcuni analisti che sostenevano che avesse raggiunto un piccolo consenso, mentre altri vedevano maggiori speranze di risolvere la controversia commerciale USA-Cina e ridurre le tensioni tra USA e Iran.

Di seguito diamo uno sguardo ai momenti chiave del vertice 2019 G-7.

L'impegno di G-7 per salvare la foresta pluviale amazzonica

Gli incendi hanno devastato la foresta pluviale amazzonica del Brasile, che produce circa il 20 percento dell'ossigeno terrestre, nelle ultime tre settimane e ha continuato a devastare la foresta pluviale durante la vetta. La riunione di G-7 ha preso atto e ha promesso un sostegno finanziario e continuo all'Amazzonia.

Secondo il National Institute for Space Research (INPE) del Brasile, i dati satellitari preliminari hanno mostrato che il tasso di deforestazione dell'Amazzonia è salito di quasi lo 90 percento a giugno e un altro 280 percento a luglio, come riportato dal Los Angeles Times.

Il numero di incendi in Brasile quest'anno è il più alto mai registrato da 2013 ed è aumentato di 85% rispetto allo scorso anno alone, CNN ha riferito.

I leader del G-7 hanno promesso $ 22 milioni per far fronte agli incendi della foresta pluviale amazzonica, anche se, in particolare, l'importo era molto inferiore ai $ 945 milioni di donazioni pubbliche e private raccolte per la Notre Dame di Parigi quando la famosa chiesa ha preso fuoco lo scorso aprile.

"Dobbiamo rispondere al richiamo della foresta che sta bruciando oggi in Amazzonia", il presidente francese Emmanuel Macron ha detto ai giornalisti dopo il vertice di tre giorni. Tuttavia, non era chiaro come il blocco G-7 avrebbe erogato il finanziamento e quando.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha risposto all'annuncio del G-7 opponendosi all'assistenza straniera e respingendo il pacchetto di aiuti, definendolo una nuova forma di colonialismo. L'ex ufficiale militare ha accusato le organizzazioni non governative di aver deliberatamente bruciato il bacino amazzonico come rappresaglia per tagli nei finanziamenti alla foresta pluviale, sebbene Bolsonaro non abbia fornito prove e in seguito abbia respinto le accuse.

Esistono numerose cause per l'aumento della deforestazione dell'Amazzonia, inclusi i cambiamenti negli schemi di commercio internazionale, il riscaldamento globale e una maggiore conversione delle terre per le imprese e l'agricoltura. Ma molti gruppi danno la colpa all'amministrazione Bolsonaro per aver favorito la deforestazione rimuovendo le protezioni ambientali e indigene del territorio e promuovendo lo sviluppo economico della foresta pluviale.

“I problemi di deforestazione e incendio in Amazzonia hanno una lunga storia; tuttavia, il peggioramento di questa situazione in 2019 è il risultato diretto del comportamento del governo del presidente Jair Bolsonaro ", ha detto un dichiarazione da un gruppo di gruppi indigeni 50 e organizzazioni ambientaliste, che è stato letto dai leader della comunità indigena Raoni. "Il presidente Bolsonaro ha incoraggiato la criminalizzazione dei movimenti sociali e delle ONG, raggiungendo l'assurdità di incolparli per un aumento delle ustioni in Amazzonia".

L'ospite imprevisto

La presenza del ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif, su invito del presidente francese Emmanuel Macron, ha aggiunto un elemento di sorpresa alla riunione. Un funzionario del governo francese ha dichiarato che i partecipanti al vertice sono stati informati all'ultimo minuto a causa di una delicata situazione diplomatica, snobbando le accuse secondo cui Parigi non aveva affatto annunciato l'arrivo del miglior diplomatico iraniano.

Un alto diplomatico francese ha confermato che Parigi aveva invitato Zarif ai colloqui, una mossa vista come lo sforzo diplomatico di Macron per ridurre la tensione nel Golfo Persico. Tuttavia, il diplomatico non identificato ha affermato che la Francia non agiva come mediatore per gli Stati Uniti, aggiungendo che la Francia non intendeva unire gli Stati Uniti e l'Iran.

Alla domanda sull'arrivo di Zarif, il presidente Donald Trump ha solo risposto: "Nessun commento".

Le tensioni tra Stati Uniti e Iran si sono intensificate in seguito all'uscita di Washington dall'accordo sull'Iran, sostenendo che l'accordo non era adeguato a costringere l'Iran a fermare le sue ambizioni nucleari, nonostante i numerosi rapporti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica dimostrano che l'Iran aveva aderito all'accordo. L'Iran ha risposto arricchendo l'uranio al di sopra del livello consentito dal PACG.

Mentre Zarif ha tenuto un incontro di tre ore con il ministro degli Esteri francese e un'ora di colloquio con Macron, Zarif e Trump non si sono incontrati a Biarritz.

Colloqui commerciali

L'ultimo giorno del vertice, Trump ha elogiato il suo omologo cinese Xi Jinping come un grande leader, sottolineando che Washington e Pechino avrebbero ripreso i colloqui commerciali per risolvere la disputa annuale dopo che entrambe le parti si fossero imposte le tariffe di importazione.

Trump ha affermato che un funzionario cinese aveva contattato un rappresentante americano lunedì sera.

Tuttavia, il ministero degli Esteri cinese ha affermato di non aver sentito parlare del contatto telefonico tra rappresentanti cinesi e americani in merito ai piani per riprendere i negoziati commerciali, ha scritto South China Morning Post.

La promessa di Trump di riavviare i negoziati commerciali ha contribuito a aumentare l'ottimismo del mercato in Europa e nei paesi asiatici. Tuttavia, la valuta cinese, lo Yuan, è ancora scesa al suo livello più basso rispetto al dollaro USA negli ultimi nove anni, Channel News Asia ha riferito.

La dichiarazione di G-7 ha anche discusso dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e ha affermato che desiderava che l'OMC fosse più attiva nella protezione della proprietà intellettuale, sradicando le pratiche commerciali sleali e risolvendo le controversie più rapidamente.

Trump vuole che la Russia si riunisca a G-8

La Russia fu esclusa dall'allora G-8 a 2014 in seguito all'annessione della Crimea, una volta parte dell'Ucraina dopo il crollo dell'Unione Sovietica. La Russia ha preso il controllo della Crimea sostenendo i gruppi ribelli filo-russi.

Durante il vertice di Biarritz, Trump ha esortato i membri del gruppo ad accettare la Russia. Tutti hanno respinto l'idea tranne l'Italia, mentre il Giappone ha scelto di essere neutrale.

"Penso che sia vantaggioso (per la Russia ricongiungersi), ma altre persone non sono necessariamente d'accordo con me in questo momento. Vedremo cosa accadrà," Trump ha detto, come ha scritto France24.

Fonti diplomatiche hanno affermato che nonostante l'opposizione, i leader del G-7 non vedono l'ora di coordinarsi con il Cremlino, ma il reinserimento è considerato troppo presto.

Europa e Stati Uniti differiscono

Un diplomatico americano ha criticato la Francia per aver invitato membri non G-7 come Australia, India, Cile, Spagna e Sudafrica a unirsi al vertice. Invitando paesi al di fuori del G-7, il funzionario senza nome ha affermato che Macron stava cercando di dividere il blocco concentrandosi su "problemi superficiali" rispetto a problemi globali più ampi.

La Francia ha negato l'accusa affermando che il secondo giorno del vertice ha discusso di economia, commercio e sicurezza, le principali questioni che stanno diventando fonti di frattura tra i membri del gruppo.

Parlando a margine del vertice, Macron ha affermato che i leader del G-7 avevano concordato un'azione comune relativa all'Iran mantenendo la comunicazione per impedire all'Iran di possedere armi nucleari.

Trump ha ammorbidito la sua posizione sull'Iran affermando che i colloqui con il presidente iraniano Hassan Rouhani si sarebbero svolti nelle prossime settimane senza fornire ulteriori dettagli.

“Ho una bella sensazione. Devono essere buoni giocatori se capisci cosa intendo. Non possono fare quello che stavano dicendo, perché se lo fanno, incontreranno una forza davvero molto violenta. Quindi penso che andranno bene ", ha detto Trump in un briefing con i giornalisti durante una conferenza stampa congiunta lunedì.

Sia Trump che Rouhani dovrebbero incontrarsi a l'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York alla fine di settembre.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Yasmeen Rasidi

Yasmeen è uno scrittore e laureato in scienze politiche all'Università Nazionale di Giacarta. Copre una varietà di argomenti per la verità del cittadino, tra cui la regione Asia e Pacifico, conflitti internazionali e problemi di libertà di stampa. Yasmeen aveva già lavorato per Xinhua Indonesia e GeoStrategist in precedenza. Scrive da Jakarta, in Indonesia.

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.