Digitare per la ricerca

Stati Uniti ANALISI

La mancanza del controllo delle armi degli Stati Uniti provoca uno spargimento di sangue in Messico

Gli ufficiali delle dogane e della protezione delle frontiere statunitensi che stavano conducendo ispezioni in uscita nel porto di Lukeville in Arizona hanno arrestato due cittadini messicani dopo aver trovato valuta, armi e munizioni statunitensi non dichiarate in sequestri separati. Data: marzo 16, 2017 (foto: dogana americana e protezione delle frontiere)
Gli ufficiali delle dogane e della protezione delle frontiere statunitensi che stavano conducendo ispezioni in uscita nel porto di Lukeville in Arizona hanno arrestato due cittadini messicani dopo aver trovato valuta, armi e munizioni statunitensi non dichiarate in sequestri separati. Data: marzo 16, 2017 (foto: dogana americana e protezione delle frontiere)
(Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.)

"Le armi da fuoco statunitensi legalmente esportate sono state utilizzate nei massacri, nelle sparizioni e nelle forze di sicurezza che collidono con gruppi criminali in Messico su larga scala".

(Di Parker Asmann, InSight Crime) Le armi da fuoco statunitensi sono finite nelle mani delle forze di sicurezza corrotte e delle organizzazioni criminali in Messico per anni, ma gli Stati Uniti stanno ancora lottando per arginare la marea di armamenti mortali che si muovono attraverso il confine meridionale.

Tra 2013 e 2018, 70 percento delle armi da fuoco 96,036 recuperate dalle autorità messicane e consegnate all'Ufficio degli Stati Uniti per l'alcol, il tabacco, le armi da fuoco e gli esplosivi (ATF) sono state rintracciate negli Stati Uniti, secondo dati ufficiali del governo. Nel solo 2018, metà delle armi da fuoco 16,343 recuperate in Messico sono state fabbricate negli Stati Uniti.

Questo viene come il Messico, un paese con il terzo decesso per maggior parte delle armi nel mondo, continua a vedere livelli storici di violenza. In 2017, il Messico ha sofferto la sua anno più omicida nella storia da quando tali record hanno iniziato a essere conservati in 1997. Il numero di omicidi impennò di nuovo in 2018, e il Paese è al passo raggiungere un livello record ancora una volta entro la fine di 2019.

Anche la potenza di fuoco è aumentata. Alla fine di luglio 2019, il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard ha dichiarato che il numero di armi d'assalto e fucili automatici sequestrati nelle scene del crimine nel paese è saltato di 122 percento e 63 percento, rispettivamente.

Nella città di confine di Tijuana, riportato il San Diego Union-Tribune che "quasi ogni singola pistola sequestrata dalla polizia da quando 2016 proveniva dagli Stati Uniti", secondo il capo della polizia di Tijuana. La città è diventata una delle più mortale nel mondo come bande rivali scatenare una guerra spietata per controllare le vendite di droghe sintetiche come metanfetamina e fentanil.

Alcuni esperti lo stimano più di armi 210,000 vengono introdotte clandestinamente attraverso il confine tra Stati Uniti e Messico ogni anno.

Una questione di mercato

Il problema delle armi da fuoco provenienti dagli Stati Uniti che si fanno strada nelle mani dei gruppi criminali organizzati del Messico è un problema di mercato. Gli Stati Uniti hanno un eccesso di armi, specialmente alta potenza quelli - e manca di forti meccanismi di controllo. Allo stesso tempo, gli attori criminali in Messico sono alla costante ricerca di tali armamenti.

"Gli attori criminali in Messico stanno usando le armi per controllare qualsiasi cosa accada economicamente nel loro territorio e per disputare il territorio tra loro", ha dichiarato a InSight Crime John Lindsay-Poland, ricercatore e attivista di Global Exchange. "Il lato della domanda del mercato non è cambiato e le dinamiche dal lato dell'offerta sono davvero perfette per soddisfare quella domanda."

Uno dei modi più comuni in cui le armi da fuoco statunitensi si fanno strada in Messico sono gli acquisti di paglia. Questo è quando un individuo acquista legalmente un'arma negli Stati Uniti per conto di qualcuno a cui non è permesso possederne una. I contrabbandieri arruolano americani con documenti precisi per acquistare pistole da rivenditori autorizzati, e quindi le armi vengono spostate a sud attraverso il confine.

Le pistole sono spesso suddivise in pezzi, nascoste in elettronica o mascherate in altri modi per sfuggire alle autorità.

"Anche in casi con modelli di traffico molto evidenti, quasi incautamente ovvi, i trafficanti di armi non hanno il dovere di fare nulla", ha dichiarato Alex Yablon, un giornalista che copre la politica statunitense sulle armi da fuoco per The Trace, un'organizzazione giornalistica focalizzata sulla violenza armata . "Non esiste davvero un meccanismo per interrompere questo flusso [di pistole statunitensi in Messico]".

Per le autorità di frontiera e i funzionari doganali, individuare armi illegali è straordinariamente difficile. Mancano le risorse per ispezionare adeguatamente il quantità enormi di merci e veicoli che attraversano il confine ogni giorno. Corruzione totale e a mancanza di collaborazione tra agenzie complica anche questi sforzi.

Lacune e insidie ​​legali

Gli acquisti di paglia e il traffico illegale non sono gli unici modi in cui le armi da fuoco statunitensi finiscono nelle mani di cattivi attori. Gli Stati Uniti sono il più grande fornitore di armi da fuoco a livello globale. I meccanismi, tuttavia, messi in atto per controllare le vendite legali di armi da fuoco da parte di rivenditori autorizzati ad attori internazionali sono falliti.

A Audit 2019 di febbraio dall'ufficio dell'ispettore generale presso il dipartimento di stato degli Stati Uniti, ad esempio, ha riscontrato che la direzione dei controlli del commercio della difesa (DDTC) non ha garantito che le domande di licenza di esportazione permanenti soddisfacessero gli standard per l'approvazione.

Delle domande di licenza di esportazione di armi da fuoco 21 esaminate durante l'audit che erano state depositate tra dicembre 2017 e agosto 2018, il rapporto ha rilevato che i funzionari del Dipartimento di Stato hanno approvato tutti tranne uno "nonostante l'assenza delle informazioni richieste".

Inoltre, secondo la legge attuale, il Dipartimento di Stato dovrebbe informare il Congresso degli Stati Uniti se le vendite di armi da fuoco del valore di oltre $ 1 milioni sono approvate. Ma il Congresso non è mai stato informato degli accordi di esportazione di armi da fuoco 17 che hanno superato $ 1 milioni, secondo il rapporto.

L'audit ha messo in evidenza le rotazioni del personale, la mancanza di formazione e tagli del personale per spiegare queste carenze. A partire da luglio 2018, l'agenzia incaricata di esaminare gli accordi sulle armi da fuoco ha avuto una riduzione del personale 28, secondo il rapporto. Il dipartimento manca anche di un "programma di addestramento standard" per lo svolgimento di controlli.

"È estremamente preoccupante che le persone che non sono autorizzate a sottoscrivere licenze di esportazione per la vendita di armi lo stiano facendo", ha dichiarato a InSight Crime Christina Arabia, direttrice del Security Assistance Monitor presso il Center for International Policy. "Non sembra essere una priorità per il Dipartimento di Stato."

Le lacune in questo processo possono avere gravi conseguenze. Tra 2015 e 2017, gli Stati Uniti hanno esportato quasi $ 123 milioni di armi da fuoco e munizioni in Messico, secondo i dati commerciali del Census Bureau degli Stati Uniti segnalato dall'Intercettazione.

Nel corso degli anni, i soldati messicani sono stati accusati di una serie di gravi violazioni dei diritti umani, tra cui uccisioni extragiudiziali. "Le armi da fuoco statunitensi legalmente esportate sono state usate in massacri, sparizioni e forze di sicurezza che collidono con gruppi criminali in Messico su larga scala", secondo il rapporto Intercept.

Un percorso migliore in avanti?

Gli esperti concordano sul fatto che gli Stati Uniti possono attuare una varietà di strategie per rallentare il numero di armi da fuoco statunitensi trafficate illegalmente attraverso il confine meridionale, salvaguardando al contempo le vendite legali internazionali di armi da fuoco.

A livello federale, porre fine all'importazione di armi d'assalto ad alta potenza negli Stati Uniti contribuirebbe a limitare il flusso di tali armi in Messico, ha affermato Lindsay-Polonia di Global Exchange.

A livello statale, applicare controlli universali di base e porre limiti al numero di armi da fuoco - in particolare armi lunghe - che possono essere acquistate da un singolo commerciante ridurrebbe probabilmente anche il numero di armi utilizzate in Messico per commettere crimini violenti.

Gli esperti consultati da InSight Crime concordano sul fatto che sia l'ATF sia il Dipartimento di Stato hanno bisogno di più risorse e personale per affrontare il traffico illegale di armi e garantire che il processo di esportazione legale delle armi non sia difettoso.

Ma questo non è abbastanza.

"C'è un problema di risorse e un problema di volontà politica", ha detto Lindsay-Polonia a InSight Crime. "Puoi mettere più risorse in un'agenzia, ma se la volontà politica non è lì per impedire effettivamente alle armi di arrivare a cattivi attori, non farà molta differenza".

L'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump non ha mostrato alcun desiderio di affrontare il problema delle armi del paese. In effetti, una proposta di riforma per facilitare i controlli sull'esportazione di armi da fuoco per i produttori di armi statunitensi - mentre ancora nel limbo - se inviato, potrebbe inviare una nuova ondata di armi da fuoco in Messico e altrove in America Latina.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Ospite Messaggio

Citizen Truth pubblica articoli con il permesso di una varietà di siti di notizie, organizzazioni di difesa e gruppi di controllo. Scegliamo articoli che riteniamo siano informativi e di interesse per i nostri lettori. Gli articoli scelti a volte contengono un misto di opinioni e notizie, tali opinioni sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.

    1

Commenti

  1. JP Settembre 10, 2019

    Adoro quello che fate voi ragazzi ma il vostro articolo è molto fuorviante.

    1. Il governo degli Stati Uniti ha inondato per anni gruppi di droga messicani con pistole. Nel frattempo, in Messico è impossibile possedere legalmente lo stesso tipo di potenza di fuoco e persino le pistole sono molto difficili da acquistare. Questo rende le persone sedute anatre. Quindi la ragione per cui civili innocenti vengono massacrati è perché semplicemente non possono difendersi.

    https://www.cbsnews.com/news/mexicans-have-the-right-to-own-guns-but-few-do/

    2. Nello stesso periodo di tempo in cui le vendite di armi da parte del Messico alle bande sono aumentate, gli Stati Uniti hanno anche avuto un boom di vendite di armi a tutti i cittadini di vari tipi di armi. Esiste una correlazione diretta tra i grafici di crescita delle armi e quelli dei crimini violenti. Mentre le vendite di armi sono aumentate, negli Stati Uniti il ​​crimine violento è precipitato. Ciò dimostra che non è una mancanza di controllo delle armi a causare le morti in Messico, è troppo.

    https://www.nationmaster.com/country-info/compare/Mexico/United-States/Crime/Violent-crime

    Rispondi
    1. Lauren von Bernuth Settembre 10, 2019

      Discrete critiche, senza dubbio il governo degli Stati Uniti ama il traffico di vendita di armi ... legalmente o illegalmente! Grazie anche per il complimento di apertura! Se non mi chiedi, cosa ti piace fare come organizzazione / media outlet e su cosa potremmo fare di meglio?

  2. JP Settembre 11, 2019

    Mi piace che voi ragazzi non siate ideologicamente di parte in un modo o nell'altro. Hai membri MAGA e progressisti che lavorano per te e per gli altri. Non ho nulla di sbagliato nel pregiudizio ideologico fintanto che i fatti sono direttamente rappresentati. È uno dei motivi per cui vi leggo ragazzi. La maggior parte dei tuoi articoli contiene fatti e dati, indipendentemente da quale parte li scriva.

    Rispondi
    1. Lauren von Bernuth Settembre 11, 2019

      Grazie per il feedback. Penso che abbiamo bisogno di scrittori più conservatori ma non ho avuto la stessa fortuna di collegarmi con loro ... ma siamo alla ricerca. Ognuno ha una propensione naturale che influenzerà l'intero sbocco dei media, secondo me, quindi portare il maggior numero possibile di prospettive diverse è la chiave per comprendere il quadro generale. Man mano che cresciamo, questo è l'obiettivo di portare più prospettive e fare un lavoro più approfondito.

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.