Digitare per la ricerca

Stati Uniti AMBIENTE

Importanti compagnie petrolifere accusate di rifiuti illegali di rifiuti illegali

Un tamburo di petrolio rosso in erba
(Immagine via Pixabay)

Un'inchiesta rivela che le principali compagnie petrolifere stanno gettando illegalmente rifiuti tossici in Patagonia.

Le compagnie petrolifere di Vaca Muerta, una delle più grandi riserve di petrolio e gas del mondo, sono accusate di aver scaricato illegalmente petrolio industriale e rifiuti tossici in bacini di raccolta aperti, come rivelato in una recente indagine di Greenpeace Andino.

Chi è responsabile per il rifiuto dell'olio e dei rifiuti tossici?

Aziende come Total e Shell hanno scaricato migliaia di tonnellate di rifiuti in discariche illegali gestite da un impianto locale di trattamento dei rifiuti noto come Treater SA Altri clienti locali di Treater sono Pan American Energy (una controllata di BP), ExxonMobil e YPF (di proprietà di lo stato).

Portavoce per la campagna sul clima e l'energia di Greenpeace Andino Ha detto Paul Horsman"Il modo in cui operano queste compagnie petrolifere è il puro vandalismo ambientale e dimostra quanto poco le autorità locali di controllo abbiano veramente. I terreni impregnati di petrolio e l'aria inquinata potrebbero essere normali come attività per società come Shell e Total, ma il governo argentino non può permettersi di continuare a mettere profitti dell'industria petrolifera prima della salute delle sue comunità. Con gli scienziati del clima che avvertono che il mondo ha solo 12 anni per tagliare il consumo di combustibili fossili per il 50 per cento, è una follia spendere miliardi di dollari che frantumano la Patagonia nel dimenticatoio. "

In che modo il dumping dei rifiuti tossici influenzerà le città locali?

I ricercatori di Greenpeace Andino hanno prelevato campioni di terreno e di fanghi da varie aree di Añelo e Neuquén, nonché dal sito di rifiuti di Treater. I campioni hanno rivelato quantità pericolose di composti organici volatili e sostanze chimiche di idrocarburi. L'acqua potabile e i campi agricoli di Añelo distano poco più di tre miglia dalle discariche illegali.

Una delle aree di scarto si è espansa da poco meno di 15 acri a più di 33 acri in meno di due anni. Sfortunatamente, nessuno dei rifiuti tossici viene trattato in modo conforme alle leggi provinciali o nazionali.

Le riserve in Vaca Muerta contengono approssimativamente i pozzetti per fracking 830, ognuno dei quali produce tra 21,000 e 30,000 piedi cubici di rifiuti al mese. Gran parte dei rifiuti tossici passa attraverso le città, i campi agricoli e persino le fonti di acqua potabile sulla strada per gli impianti di trattamento, ponendo un enorme rischio per la salute alle comunità locali.

Due aziende rispondono

Greenpeace Andino ha scritto a Treater SA e agli amministratori delegati delle compagnie petrolifere coinvolte nel dicembre 7, chiedendo loro di commentare i risultati. A partire dal dicembre 30 Total ha negato il funzionamento illegale, ma ha sollecitato un incontro con Greenpeace e Shell ha riconosciuto un rapporto con Treater ma afferma che le autorità hanno "supervisione delle sue operazioni". Le altre società non hanno ancora risposto.

La Confederazione Mapuche di Neuquén ha presentato una denuncia penale lo scorso ottobre, chiedendo alla Procura della Repubblica di indagare su una possibile responsabilità penale.

Héctor Jorge Nawel, coordinatore per l'area Xawvn Ko della Confederazione Mapuche di Neuquén, ha dichiarato"Denunciamo la società Treater Neuquén SA, responsabile della contaminazione ambientale con rifiuti pericolosi, per il trattamento inadeguato e lo smaltimento dei rifiuti dell'industria petrolifera. È fondamentale che le autorità statali e i dirigenti delle compagnie petrolifere che hanno permesso che ciò accadesse siano ritenuti responsabili e che il nostro diritto ad un ambiente sano sia rispettato ".

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Leighanna Shirey

Leighanna si è laureata in inglese al Pensacola Christian College. Dopo aver insegnato il liceo inglese per cinque anni, ha deciso di perseguire il suo sogno di scrivere e montare. Quando non lavora, le piace viaggiare con suo marito, passare il tempo con i suoi cani e bere troppo caffè.

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.