Digitare per la ricerca

NAZIONALE TRENDING-NAZIONALE

Oltraggio al rifiuto del DNC di tenere un dibattito sul cambiamento climatico

Thomas Perez parla con i sostenitori di Hillary Clinton durante una manifestazione della campagna con il senatore americano Tim Kaine al Maryvale Community Center di Phoenix, in Arizona. Novembre 2016.
Thomas Perez parla con i sostenitori di Hillary Clinton durante una manifestazione della campagna con il senatore americano Tim Kaine al Maryvale Community Center di Phoenix, in Arizona. Novembre 2016. (Foto: Gage Skidmore)

"Abbiamo bisogno di un dibattito onesto su questo, in cui le persone possano effettivamente mostrare ciò che intendono fare piuttosto che offrire bromuri e commenti sui paraurti in 60 secondi."

Il Comitato Nazionale Democratico (DNC) si trova di fronte all'oltraggio degli attivisti progressisti per il rifiuto di dedicare uno qualsiasi dei suoi dodici dibattiti sanciti interamente sul cambiamento climatico. Secondo il governatore di Washington Jay Inslee, il DNC sta anche bandendo qualsiasi candidato democratico che partecipi a un dibattito sul clima non-DNC da tutti i futuri dibattiti ufficiali, una mossa che Inslee descrive come "totalmente inaccettabile".

Gli attivisti si confrontano con il presidente di DNC

Gli attivisti hanno affrontato il presidente del DNC Tom Perez durante il fine settimana sulla politica della DNC, che il presidente difeso sostenendo che era "non pratico" ospitare un dibattito su un singolo problema.

"Una volta che hai un dibattito su un solo argomento, ogni dibattito porta a diventare un dibattito su un solo argomento per affrontare le preoccupazioni", ha detto Perez agli attivisti. "E francamente, come qualcuno che ha lavorato per Barack Obama, la cosa più notevole di lui è stata la sua tenacia nel multitasking, e un presidente deve essere in grado di fare il multitasking".

Solo cambiamenti climatici cinque minuti di attenzione durante i tre dibattiti sulle elezioni generali di 2016, ma a crescente numero di votanti citarlo come la loro più grande preoccupazione politica per 2020. Poiché il cambiamento climatico ha la posizione unica di essere una minaccia esistenziale per l'umanità, e poiché ci sono differenze significative tra i piani climatici di candidati come la senatrice progressiva Elizabeth Warren e il moderato Joe Biden, i critici della decisione del DNC affermano che il cambiamento climatico merita il suo discussione.

"Cosa non è realistico: l'establishment democratico dice che fermeremo i cambiamenti climatici quando non sono nemmeno disposti a discutere" tweeted il Movimento Sunrise guidato dai giovani, che ha emesso un petizione contro la decisione di Perez con decine di migliaia di firme.

DNC accusato di "proteggere i candidati" senza un piano climatico dettagliato

"Abbiamo bisogno di un dibattito onesto su questo, in cui le persone possano effettivamente mostrare ciò che intendono fare piuttosto che offrire bromuri e commenti sui paraurti in 60 secondi", ha detto Inslee Rolling Stone in un'intervista Il promettente 2020, che ha costruito la sua intera campagna attorno alla sua ambiziosa politica sul clima, ha detto che il DNC sta "proteggendo i candidati" che non hanno sviluppato un piano climatico dettagliato.

Oltre ai gruppi attivisti, i candidati 2020 come Elizabeth Warren, Bernie Sanders, Kristen Gillibrand e Beto O'Rourke sostengono il dibattito specifico sul clima, e 53 dei membri votanti del DNC ha inviato al presidente Perez un progetto di risoluzione invitandolo a cambiare la sua decisione.

"Più a lungo penso a @DNC insistendo che nessuno tiene un dibattito sul clima, a quanto pare più sciocco," Bill McKibben, un influente attivista ambientale, tweeted di domenica. "Non abbiamo mai letteralmente parlato di questo problema in un dibattito presidenziale, e dobbiamo letteralmente affrontarlo immediatamente. Non capisco perché non dovremmo dedicare una notte ad esso. "

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Peter Castagno

Peter Castagno è uno scrittore freelance con un Master in International Conflict Resolution. Ha viaggiato in tutto il Medio Oriente e l'America Latina per ottenere informazioni di prima mano in alcune delle aree più problematiche del mondo e ha in programma di pubblicare il suo primo libro su 2019.

    1

Potrebbe piacerti anche

1 Commenti

  1. LikelyYou.com Settembre 4, 2019

    Lo sciopero del clima giovanile degli Stati Uniti, la cui petizione ha invitato il DNC a ospitare un dibattito sul clima, ha raccolto firme 53,000, ha promesso di combattere il rifiuto del comitato di dare alla crisi planetaria i riflettori nazionali che merita.

    Rispondi

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.