Digitare per la ricerca

SALUTE / SCI / TECH

La Silicon Valley vuole leggere la tua mente: ecco perché dovresti preoccuparti

Il prototipo del dispositivo di lettura delle onde cerebrali di Facebook. (Foto: Facebook)
Il prototipo del dispositivo di lettura delle onde cerebrali di Facebook. (Foto: Facebook)

Data la reputazione (e la propensione) della Silicon Valley di infrangere le cose piuttosto che smettere di pensarle, i dispositivi di lettura delle onde cerebrali avranno bisogno di una stretta regolamentazione e di revisioni etiche prima dell'inizio dei test.

(Di Garfield Benjamin, The Conversation) Non contento del monitoraggio quasi tutto ciò che fai online, Facebook ora vuole leggere anche la tua mente. Il gigante dei social media ha recentemente annunciato una svolta nel suo piano per creare un dispositivo in grado di leggere le onde cerebrali delle persone per consentire loro di scrivere semplicemente pensando. E Elon Musk vuole andare ancora oltre. Una delle altre società del capo Tesla, Neuralink, è sviluppare un impianto cerebrale per collegare le menti delle persone direttamente a un computer.

Musk ammette che lui prende ispirazione dalla fantascienza e che vuole assicurarsi che gli umani possano farlo "Tenere il passo" con l'intelligenza artificiale. Sembra che abbia perso la parte della fantascienza che funge da avvertimento per le implicazioni della tecnologia.

Questi sistemi di lettura della mente potrebbero influire sulla nostra privacy, sicurezza, identità, uguaglianza e sicurezza personale. Vogliamo davvero tutto ciò che resta alle aziende con filosofie come quella dell'ex mantra di Facebook, "muoversi velocemente e rompere le cose?"

Anche se sembrano futuristici, le tecnologie necessarie per realizzare dispositivi di lettura delle onde cerebrali non sono così diverse dagli strumenti standard di neuroscienza MRI (risonanza magnetica) ed EEG (elettroencefalografia) utilizzati negli ospedali di tutto il mondo. Puoi già acquistare un kit per controllare un drone con la tua mente, quindi usarne uno per scrivere le parole non è, per certi versi, un grande salto. Il progresso sarà probabilmente dovuto all'uso dell'apprendimento automatico per setacciare enormi quantità di dati raccolti dal nostro cervello e trovare i modelli di attività neuronale che collegano i pensieri a parole specifiche.

È probabile che lo sviluppo di un impianto cerebrale richieda molto più tempo ed è importante separare l'effettivo risultati di Neuralink dalla pubblicità e dalla promozione dei media. Ma Neuralink ha apportato simultaneamente miglioramenti nei materiali per elettrodi e chirurgia assistita da robot per impiantarli, impacchettando la tecnologia in modo ordinato in modo che possa essere letta tramite USB.

I piani di Facebook e Neuralink possono basarsi su una pratica medica consolidata. Ma quando le aziende raccolgono pensieri direttamente dal nostro cervello, le questioni etiche sono molto diverse.

Qualsiasi sistema in grado di raccogliere dati direttamente dal nostro cervello presenta chiari rischi per la privacy. La privacy riguarda il consenso. Ma è molto difficile dare il giusto consenso se qualcuno sta attingendo direttamente ai nostri pensieri. Aziende (e governi) della Silicon Valley si radunano furtivamente quanti più dati su di noi possono e usarli come faremmo noi piuttosto non lo fecero. Quanto possiamo essere sicuri che i nostri pensieri casuali e personali non saranno catturati e studiati insieme alle istruzioni che vogliamo dare alla tecnologia?

Discriminazione e manipolazione

Una delle questioni etiche esistenti con la raccolta di dati è discriminazione basato su attributi come genere o razza che possono essere individuati dai dati. Fornire una finestra nella mente delle persone potrebbe rendere più facile determinare altre cose che potrebbero costituire la base del pregiudizio, come la sessualità o l'ideologia politica, o persino modi diversi di pensare che potrebbero includere cose come l'autismo.

Con un sistema che attinge direttamente al tuo cervello, non solo i tuoi pensieri potrebbero essere rubati, ma è anche possibile che possano essere manipolati. La stimolazione cerebrale è già in fase di sviluppo per aiutare trattare PTSD e ridurre la violenza. Ci sono anche affermazioni sensazionali a cui può essere abituato caricare la conoscenza direttamente proprio come nel film The Matrix.

Un passo prevedibile sarebbe quello di combinare le tecnologie "in" e "out" per un'interfaccia cervello-computer bidirezionale. Il potenziale per i governi di renderci più conformi, per i datori di lavoro che ci obbligano a lavorare di più, o per le aziende che ci fanno desiderare di più dei loro prodotti sottolinea quanto seriamente dovremmo prendere questa tecnologia.

Se i dispositivi di lettura della mente diventano il modo normale di interagire con i computer, potremmo finire con poca scelta se non quella di usarli per stare al passo con colleghi più produttivi. (Immagina qualcuno oggi che fa domanda per un lavoro d'ufficio ma rifiuta di usare la posta elettronica.) E se gli impianti in stile Neuralink diventano la norma, ciò potrebbe anche portare a una maggiore disuguaglianza determinata dal livello di kit che potresti permetterti di aver installato.

Elon Musk ha dichiarato che l'enorme prestito richiesto per permettersi la chirurgia Neuralink sarebbe compensato da potenziali guadagni per il "potenziato". L'idea che le persone si sentano sotto pressione per assumersi enormi debiti per sottoporsi a un intervento chirurgico solo per mantenere il proprio lavoro deriva direttamente da una distopia fantascientifica.

In cima a tutto ciò c'è la minaccia fisica più diretta di avere sistemi che si intromettono fisicamente nei nostri cervelli. Mentre alcune persone potrebbero voler modificare il proprio cervello con un'interfaccia computer (ce ne sono già molte biohacker sperimentali), per implementarlo su larga scala richiederebbe test approfonditi e approfonditi.

Data la reputazione (e la propensione) della Silicon Valley di infrangere le cose piuttosto che smettere di pensarle, questi sistemi avranno bisogno di una stretta regolamentazione e di una revisione etica anche prima che inizi il test. Altrimenti rischia di creare cavie umane mutilate.

Per tutto ciò, potrebbero esserci enormi vantaggi nel continuare la ricerca in questo settore, in particolare per coloro che soffrono di paralisi o compromissione sensoriale. Ma la Silicon Valley non dovrebbe essere in grado di dettare il modo in cui queste tecnologie vengono sviluppate e implementate. Se lo fanno, potrebbe rimodellare radicalmente il modo in cui ci identifichiamo come umani.The Conversation


Garfield Benjamin, Ricercatore post-dottorato, School of Media Arts and Technology, Università Solent

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Ospite Messaggio

Citizen Truth pubblica articoli con il permesso di una varietà di siti di notizie, organizzazioni di difesa e gruppi di controllo. Scegliamo articoli che riteniamo siano informativi e di interesse per i nostri lettori. Gli articoli scelti a volte contengono un misto di opinioni e notizie, tali opinioni sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.