Digitare per la ricerca

MEDIO ORIENTE NOI

Trump dice che era a pochi minuti dal lancio di attacchi contro l'Iran

Il presidente Donald J. Trump esprime osservazioni sul piano d'azione globale congiunto
Il presidente Donald J. Trump rilascia commenti sul piano d'azione congiunta globale di maggio 8, 2018 (Foto: The White House)

C'era l'unanimità sullo sciopero, guidata dal consigliere per la sicurezza nazionale Bolton. Anche il vicepresidente Mike Pence e il segretario di Stato Mike Pompeo erano d'accordo.

Venerdì mattina il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha twittato di essere "armato e caricato" per colpire tre siti in Iran dopo che un drone americano è stato abbattuto giovedì mattina. Il New York Times è stato il primo punto vendita a riferire sullo sciopero aereo cancellato sull'Iran.

Il Corpo delle guardie dell'Iran della rivoluzione islamica afferma che il drone stava violando lo spazio aereo iraniano, mentre gli Stati Uniti affermano che il drone operava nello spazio internazionale.

"Mentre stavamo rintracciando il drone spia c'era anche un aereo spia P-8 con equipaggio 35 a bordo al quale avremmo potuto sparare, ma non lo abbiamo fatto", ha dichiarato il comandante dell'Iran della Forza Aerospaziale della Guardia Rivoluzionaria Islamica. , Amir Ali Hajizadeh.

Tensione sul drone

Hajizadeh ha dichiarato alla televisione di stato che il Corpo delle guardie della rivoluzione islamica ha inviato due fasi di avvertimento al drone, che sono state ignorate prima che il veicolo fosse abbattuto.

Secondo a NBC News, inviato speciale degli Stati Uniti per l'Iran, Brian Hook ha affermato che "è importante fare tutto" per ridurre l'attuale situazione ed evitare la guerra. "La nostra diplomazia non dà all'Iran il diritto di rispondere con la forza militare, l'Iran ha bisogno di incontrare la nostra diplomazia con la diplomazia e non con la forza militare", ha detto in una conferenza stampa nella capitale saudita Riyadh. L'Arabia Saudita e Israele sono importanti alleati in Medio Oriente che sembrano favorire l'azione militare statunitense contro l'Iran.

Un consigliere del presidente iraniano Hassan Rouhani, Hesameddin Ashena, ha chiesto a Twitter di sollecitare il presidente Trump a cambiare la sua politica nei confronti del paese.

Il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) era un accordo firmato che limitava il programma nucleare iraniano a luglio 14, 2015. I firmatari originali erano Cina, Francia, Germania, Unione europea, Iran, Russia, Regno Unito e Stati Uniti. A ottobre 13, 2017, il presidente Trump ha annunciato che il paese non certificherà l'accordo, ritirando effettivamente gli Stati Uniti dall'accordo.

Come è arrivata la decisione dell'Iran

Un alto funzionario dell'amministrazione Trump è andato in sottofondo quando parlando alla CNN sulla situazione con l'Iran e sulla vicinanza degli Stati Uniti al lancio di un attacco militare. Secondo il loro ricordo, la decisione di non bombardare l'Iran è stata presa tra 7pm e 8pm giovedì sera. La fonte della CNN afferma che il presidente Trump cambiò idea quando realizzò il possibile impatto sui civili ", ha fatto la chiamata quando ha interiorizzato la gravità delle vittime."

Il funzionario ha dettagliato alla CNN il gruppo di individui che stavano spingendo per uno sciopero militare in risposta all'Iran:

"C'era l'unanimità sullo sciopero, guidata dal consigliere per la sicurezza nazionale Bolton. Anche il vicepresidente Mike Pence e il segretario di Stato Mike Pompeo erano d'accordo. Altri funzionari hanno convenuto che doveva esserci una sorta di risposta. La fonte ha chiarito che i funzionari credono ancora che sia necessaria una risposta ed è quello che stanno considerando oggi. Sono state presentate diverse risposte e diverse voci sul fatto che lo sciopero fosse la risposta giusta ".

Il presidente Trump avrebbe anche dettagliato la sua decisione quando ha parlato con i media. "Ci ho pensato per un secondo e ho detto, sai una cosa, hanno abbattuto un drone senza pilota, un aereo, qualunque cosa tu voglia chiamarlo, e qui siamo seduti con un morto 150 che avrebbe avuto luogo probabilmente in un mezz'ora dopo ho detto di andare avanti, e non mi piaceva, non pensavo, non pensavo fosse proporzionato. "

Mentre le ostilità sono state evitate a breve termine, il presidente Trump è circondato da falchi di guerra neo-conservatori nella sua amministrazione. Come la Citizen Truth ha riportato in passato, le persone con legami con il massiccio complesso industriale militare spesso spingere per conflitti in situazioni simili. In attesa di un conflitto con l'Iran svolgerà un ruolo significativo nel resto del primo mandato del presidente Trump in carica.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Walter Yeates

Walter Yeates è un giornalista, romanziere e sceneggiatore che si è iscritto a Standing Rock con Veterani e Primo Popolo a dicembre 2016. Egli copre una gamma di argomenti a Citizen Truth ed è aperto a suggerimenti e suggerimenti. Twitter: www.twitter.com/GentlemansHall o www.twitter.com/SmoothJourno Muckrack: https://muckrack.com/walteryeates

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.