Digitare per la ricerca

CONTRO LA GUERRA NAZIONALE TRENDING-ANTI-WAR TRENDING-NAZIONALE

La NASA di Trump vuole la forza spaziale per difendere il commercio spaziale

Brigantino. Il generale Todd Canterbury, comandante del 56th Fighter Wing, riassume il presidente Donald J. Trump riguardo alle capacità della bomba GBU-12 durante la sua visita alla Luke Air Force Base, Ariz., Ottobre 19, 2018. Dopo aver visitato un display statico di F-35A Lightning II e altri equipaggiamenti militari, Trump ha incontrato membri del gabinetto, membri del Congresso e leader dell'industria della difesa in una tavola rotonda sulle attuali questioni di difesa, tra cui sicurezza informatica, tecnologia stealth e sviluppo di F-35. (Foto della US Air Force di Senior Airman Alexander Cook)
Brigantino. Il generale Todd Canterbury, comandante del 56th Fighter Wing, riassume il presidente Donald J. Trump riguardo alle capacità della bomba GBU-12 durante la sua visita alla Luke Air Force Base, Ariz., Ottobre 19, 2018. Dopo aver visitato un display statico di F-35A Lightning II e altri equipaggiamenti militari, Trump ha incontrato membri del gabinetto, membri del Congresso e leader dell'industria della difesa in una tavola rotonda sulle attuali questioni di difesa, tra cui sicurezza informatica, tecnologia stealth e sviluppo di F-35. (Foto della US Air Force di Senior Airman Alexander Cook)

"Il commercio è lì. La difesa di quel commercio non lo è. "

Mentre la corsa allo spazio 21st secolo prende slancio, le domande riguardanti il ​​quadro legale che regola lo sviluppo economico nello spazio hanno enormi conseguenze. Le nazioni e le società più avanzate potrebbero raccogliere enormi profitti privati ​​in cosa stima degli analisti Sarà un'industria multimiliardaria da decenni, una visione che la NASA di Trump spera di trarre profitto.

Space Force: proteggere e servire il commercio spaziale

Una bozza interna della NASA "Rapporto sulla campagna di esplorazione nazionale"Da agosto 2018 sostiene la necessità dell'esercito americano di proteggere il commercio privato nello spazio.

Il documento, ottenuto da una richiesta della FOIA di MuckRock, esprimeva anche il desiderio della NASA di dimostrare il capitalismo neoliberista di stampo statunitense superiore al modello economico cinese guidato dallo stato: "Di fronte alla concorrenza sostenuta dallo stato, l'innovazione e l'efficienza ... essere testato Mentre lavoriamo per contribuire al loro successo, rafforzeranno il potere del capitalismo del libero mercato rispetto ad altri forme di organizzazione economica ".

As Muckrock's Matthew Gauriglia osserva, il documento non spiega come i cittadini americani potrebbero beneficiare dello sviluppo economico dello spazio esterno, ma solo la necessità di fornire protezione militare alle società spaziali private. I documenti mostrano l'amministratore della NASA Jim Bridenstine che spiega: "Il commercio è lì. La difesa di quel commercio non lo è. "

La scorsa settimana, il senatore Ted Cruz è stato deriso dopo aver affermato che lo sviluppo della Space Force di Trump era necessario per proteggere dai "pirati dello spazio". "Possa i pirati dello spazio divorare il tuo fegato", il senatore ha twittato su MSN Hayes di ChrisBC, dopo il All In host chiamato Cruz 'Space Force defense' il "tweet più triste che abbia mai visto".

I documenti scoperti dalla FOIA non sono il primo esempio dell'interesse dell'amministrazione Trump per la commercializzazione dello spazio. Documenti ottenuti da Politico a febbraio 2017 ha mostrato un piano interno per condurre quello che "potrebbe essere il più grande e più pubblico sforzo di privatizzazione che l'America abbia mai condotto", secondo i funzionari dell'amministrazione Trump. La prima strategia proposta fece una chiara distinzione tra "Old Space", riferendosi ai tradizionali appaltatori della NASA come Boeing e Lockheed Martin, rispetto a "New Space", composto da SpaceX e Blue Origin.

Il rappresentante Newt Gingrich ha spiegato la logica dell'amministrazione a Politico:

"Una buona parte dell'amministrazione Trump vorrebbe un approccio imprenditoriale competitivo molto più aggressivo, rischioso e competitivo allo spazio. Una fazione più piccola ma ancora potente rappresenta la Boeing e i costosi vecchi appaltatori che hanno assorbito denaro con risultati minimi. Nessun programma della NASA dominato dai burocrati potrebbe correre il rischio, accettare i fallimenti e creare una curva di apprendimento paragonabile a un approccio imprenditoriale ".

Buzz Aldrin, la seconda persona a camminare sulla luna, disse gli Stati Uniti dovrebbero "attirare le altre nazioni con inclinazioni convincenti" per ottenere il vantaggio sulla Cina, il suo principale concorrente. Anche suo figlio Andy crede l'economia di mercato potrebbe rinvigorire l'esplorazione dello spazio umano:

"Possiamo sfruttare maggiori investimenti nei mercati commerciali per fornire una base migliore per ciò che la NASA vorrebbe fare con l'esplorazione umana. Dobbiamo capire quale può essere la relazione tra queste due cose. Una solida economia di mercato può essere una solida base per lanciare una missione su Marte e l'insediamento umano su Marte. "

Critica della commercializzazione dello spazio e della forza spaziale

I detrattori della privatizzazione dello spazio esterno criticano l'enfasi sull'accumulazione di ricchezza concentrata. La rivista socialista giacobino disprezza l'estrapolazione del capitalismo neoliberale nello spazio, chiamandolo "trickle down astronomics" e argomentando, "potremmo combattere per una democrazia galattica, dove i proventi dell'economia spaziale sono distribuiti ampiamente." Nick Levine di Jacobin sostiene la già estrema disuguaglianza sulla Terra verrebbe amplificato dallo sviluppo spaziale del laissez-faire, e sfiderà le ambizioni umanitarie dei viaggiatori dello spazio che usano razzi a combustibili fossili in un momento di crisi climatica.

Esiste già un precedente legale per la visione egualitaria di Giacobino, come il Outer Space Treaty del 1967, firmato da più paesi 90, rifiuta il diritto legale delle nazioni di rivendicare la sovranità dei corpi celesti attraverso l'occupazione.

"L'esplorazione e l'uso dello spazio esterno devono essere effettuati a beneficio e nell'interesse di tutti i paesi, indipendentemente dal loro grado di sviluppo economico o scientifico, e devono essere la provincia di tutta l'umanità", dichiara il trattato. Con risorse illimitate disponibili nell'ultima frontiera, resta da vedere se l'umanità sceglierà di sviluppare il cosmo con cooperazione o competizione.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Peter Castagno

Peter Castagno è uno scrittore freelance con un Master in International Conflict Resolution. Ha viaggiato in tutto il Medio Oriente e l'America Latina per ottenere informazioni di prima mano in alcune delle aree più problematiche del mondo e ha in programma di pubblicare il suo primo libro su 2019.

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.