Digitare per la ricerca

MEDIO ORIENTE

La paura degli Stati Uniti alleati incombe sulla guerra tra Stati Uniti e Iran, mentre l'amministratore di Trump si scontra con la politica iraniana

Assistente del Presidente degli Stati Uniti per gli affari di sicurezza nazionale John Bolton.
Assistente del Presidente degli Stati Uniti per gli affari di sicurezza nazionale John Bolton. (Foto: Kremlin.ru)

Questa settimana gli alleati europei hanno espresso preoccupazione per il fatto che le tensioni USA-Iran potrebbero innescare accidentalmente un conflitto dopo che il Pentagono ha inviato una batteria di difesa missilistica patriottica, una task force per i bombardieri, un bacino di trasporto anfibio e un gruppo di attacco alla regione.

"Il Pentagono sta schierando una task force per i bombardieri B-52 insieme all'Abraham Lincoln Carrier Strike Group nell'area delle operazioni del Comando centrale degli Stati Uniti, a fronte delle minacce di" maggiore disponibilità iraniana a condurre operazioni offensive "," The Military Times " segnalati all'inizio di maggio, dopo aver parlato con funzionari dell'esercito degli Stati Uniti, che hanno risposto di aver risposto alle minacce percepite dall'Iran verso le truppe nella regione.

"La natura esatta della minaccia che è stata ricevuta non è stata fornita dal Pentagono. La missione arriva mentre l'Iran dovrebbe annunciare piani per ritirarsi da parti dell'accordo nucleare 2015 questa settimana, un anno dopo che gli Stati Uniti hanno abbandonato l'accordo ", ha proseguito il rapporto.

Gli alleati degli Stati Uniti si preoccupano degli Stati Uniti e dell'Iran che si dirigono verso il conflitto

The Military Times pubblicato Di seguito, poco più di una settimana dopo, "gli alleati degli Stati Uniti coinvolti in operazioni in Medio Oriente sembrano non interessati alla retorica sempre più bellicosa della Casa Bianca e del Pentagono riguardo all'Iran". Andrebbe poi aggiunto:

Germania e Paesi Bassi hanno sospeso le operazioni di addestramento militare in Iraq a causa delle crescenti tensioni regionali, una fregata spagnola è stata richiamata dal suo viaggio con un gruppo di attacco della Marina Militare degli Stati Uniti e un generale britannico è stato bruscamente rimproverato dal Comando centrale USA dopo aver detto ai giornalisti che il sostegno dell'Iran le milizie in Iraq e in Siria non rappresentavano un rischio maggiore per gli alleati degli Stati Uniti e della coalizione che combattevano lo Stato islamico.

Il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, e altri leader dell'amministrazione, hanno ripetutamente avvertito che l'intelligence mostra che c'è una crescente minaccia che l'Iran oi suoi gruppi di delegati potrebbero attaccare gli Stati Uniti oi loro alleati, sebbene abbiano nascosto i dettagli di quell'intelligence.

Gli alleati europei hanno espresso preoccupazione questa settimana che le tensioni potrebbero innescare accidentalmente un conflitto dopo che il Pentagono ha inviato una batteria di difesa missilistica patriottica, una task force per i bombardieri, un molo anfibio di trasporto e un gruppo di attacco alla regione.

Conflitti nei confronti dell'atteggiamento dell'Iran nell'amministrazione Trump

"Persino il tenace presidente degli Stati Uniti, sempre affezionato a cestinare Teheran, ha riferito di aver spinto indietro il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, l'appello di John Bolton per una politica più aggressiva dell'Iran", il Washington Post segnalati all'inizio del mese. Evidentemente, il presidente Trump si allontanò ulteriormente dalla posizione di Bolton dicendo al segretario alla Difesa dell'agricoltura Patrick Shanahan che non voleva entrare in guerra con l'Iran.

"È chiaro che l'Iran è dietro l'attacco della Fujairah. Chi altro penseresti lo farebbe? Qualcuno dal Nepal? "Bolton ha dichiarato mercoledì sugli attacchi del maggio 12 alle petroliere al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti (EAU). L'Iran ha immediatamente negato di avere qualcosa a che fare con esso e ha invitato Bolton a presentare prove.

Con il presunto scontro di filosofie all'interno dell'amministrazione, è probabile che la retorica e la tensione continueranno ad aumentare.

Newsweek segnalati su come sono iniziate le questioni conflittuali nell'amministrazione Trump riguardo all'Iran.

La nomina di Bolton è arrivata poco più di un anno nel mandato di Trump e, meno di un mese dopo, il leader repubblicano si è ritirato dall'accordo nucleare 2015 con l'Iran, un accordo firmato anche da Cina, UE, Francia, Germania, Russia e Regno Unito . Sebbene l'Agenzia internazionale per l'energia atomica abbia continuamente riscontrato che Teheran aveva rispettato i limiti nucleari dell'accordo, Trump sostenne che non sarebbe andato abbastanza lontano per fermare il presunto sostegno dell'Iran ai gruppi militanti e alle sue attività di missili balistici.

Se le tendenze di intervento degli Stati Uniti continuano, la guerra è una possibilità. Tuttavia, se il presidente Trump si è impegnato a non bombardare l'Iran, la catastrofe potrebbe essere evitata. La Cina, l'Europa e la Russia da tutti i rapporti sono contrari a qualsiasi conflitto di questo tipo, che potrebbe ridurre l'influenza di Bolton all'interno dell'amministrazione Trump.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Walter Yeates

Walter Yeates è un giornalista, romanziere e sceneggiatore che si è iscritto a Standing Rock con Veterani e Primo Popolo a dicembre 2016. Egli copre una gamma di argomenti a Citizen Truth ed è aperto a suggerimenti e suggerimenti. Twitter: www.twitter.com/GentlemansHall o www.twitter.com/SmoothJourno Muckrack: https://muckrack.com/walteryeates

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.