Digitare per la ricerca

NAZIONALE

Veterano NBC Reporter Rips Pro-War Posture di media corporativi in ​​lettera di dimissioni feroce

William Arkin
William Arkin (Immagine tramite YouTube0

"Il fatto che un membro della rete abbia emesso il segnale di come funziona tutto questo e come MSNBC e NBC Sono diventati Ground Zero per queste patologie politiche di militarismo e servitù alle agenzie statali di sicurezza, mentre non è sorprendente, è comunque importante. "

(Common Dreams) In una mordace lettera di dimissioni pubblicato per intero by CNN mercoledì, da molto tempo NBC News reporter, commentatore e analista militare William "Bill" Arkin ha fatto saltare in aria la rete mediatica aziendale per abbracciare i "leader e generali della sicurezza nazionale" mentre "ignorava la verità empirica di ciò che hanno fatto: non c'è una contea in Medio Oriente che sia oggi più sicuro di 18 anni fa. In effetti il ​​mondo diventa sempre più polarizzato e pericoloso ".

"Trovo sconfortante che non riportiamo i fallimenti dei generali e dei responsabili della sicurezza nazionale. Trovo sconvolgente il fatto che sostanzialmente tolleriamo il continuo bumbling americano in Medio Oriente e ora in Africa attraverso i nostri rapporti sull'humus. "
-William Arkin, ex NBC News commentatore

Riflettendo sui suoi ultimi due decenni lavorando con la rete-inoltre Scrive libri e colonne per i principali giornali e serve come consulente militare per i diritti umani ei gruppi ambientalisti - Arkin lamenta: "La mia esperienza, anche se sembra essere tanto più centrale per le sfide e i pericoli che affrontiamo, sembra anche essere meno apprezzata il momento. E mi ritrovo completamente fuori da [sync] con la rete, non essendo né un giornalista quotidiano né interessato al circo di Trump ".

Notando nel suo memoriale 2,228-parola che "il mondo e lo stato del giornalismo [sono] in crisi in tandem", Arkin offre una critica feroce di come NBC ha risposto alla politica estera del presidente Donald Trump - che lui definisce "un impostore ignorante e incompetente" - affermando che "in molti modi NBC ha appena iniziato a emulare lo stesso stato di sicurezza nazionale: occupato e redditizio. Nessuna guerra ha vinto, ma la palla è rimasta in gioco ".

Tuttavia, Arkin offre anche una più ampia condanna della copertura della rete della cosiddetta Guerra al Terrore nei quasi anni 18 da 9 / 11, e come ha contribuito a produrre uno scenario in cui "la guerra perpetua è stata accettata come un dato di fatto le nostre vite. "Scrive:

Cercare rifugio nelle sue radici politiche di corsa ippica, NBC (e altri) nel frattempo riportano la storia della guerra come uno di Rumsfeld contro i generali, come Wolfowitz contro Shinseki, come la CIA contro Cheney, come i cattivi torturatori contro i più raffinati, sul numero di truppe e sul numero di morti e anche allora Obama contro il Congresso, il povero Obama che non poteva chiudere Guantanamo o ridurre le armi nucleari o resistere a Putin perché era proprio così difficile. Abbiamo contribuito a trasformare la sicurezza nazionale mondiale in questa sorta di storia politica. Trovo scoraggiante che non riportiamo i fallimenti dei generali e dei responsabili della sicurezza nazionale. Trovo sconvolgente il fatto che sostanzialmente tolleriamo il continuo bumbling americano in Medio Oriente e ora in Africa attraverso i nostri rapporti sull'humus.

Caratterizzato come un "ragazzo difficile" che ha trascorso gran parte del suo tempo a NBCSfidando le narrative convenzionali sulla guerra e le armi nucleari e discutendo contro la politica estera degli Stati Uniti di falco, sia fuori che dentro l'aria, Arkin suggerisce che lo stato delle notizie televisive è peggiorato nell'era di Trump. Scrive: "Nel nostro quotidiano stato di trombe d'aria e ostaggio come prigionieri di Donald Trump, penso - come tutti gli altri - che ci manca così tanto."

Riassumendo i suoi disaccordi con le posizioni pro-guerra comunemente sostenute dalla rete sotto l'amministrazione Trump, Arkin continua:

Per quanto mi riguarda, mi sono reso conto di quanto ero fuori passo quando guardavo le varie intuizioni bizzarrie di Trump: il suo desiderio di migliorare i rapporti con la Russia, di denuclearizzare la Corea del Nord, di uscire dal Medio Oriente, di interrogarsi sul perché stiamo combattendo in Africa, persino nei suoi attacchi alla comunità dell'intelligence e all'FBI. Certo che è un impostore ignorante e incompetente. Eppure sono allarmato da quanto veloce NBC è meccanicamente sostenere il contrario, essere a favore di politiche che significano solo più conflitto e più guerra. Veramente? Non dovremmo uscire dalla Siria? Non dovremmo fare la coraggiosa mossa di denuclearizzare la penisola coreana? Anche in Russia, anche se dovremmo essere preoccupati per la fragilità della nostra democrazia che è così vulnerabile alla manipolazione, desideriamo davvero la Guerra Fredda? E non farmi nemmeno iniziare con l'FBI: cosa? Ora facciamo il leone a questa istituzione storicamente distruttiva?

Nonostante noti che "il mio tempo a NBC è stato gratificante, "e ringraziando alcuni ex colleghi per nome, Arkin conclude:" Sono sempre così felice di tornare a scrivere e pensare senza l'ufficialità dei tiranni editoriali o degli standard aziendali ". Secondo il promemoria, sta attualmente lavorando su un romanzo su 9 / 11 e "un libro di saggistica, un lungo saggio sulla sicurezza nazionale e sul perché non sembriamo mai porre fine al nostro ormai perenne stato di guerra".

La lettera fu accolta con favore da molti critici dei media corporativi e del militarismo americano, inclusi L'intercettazioneE 'Glenn Greenwald, chi lodato I passaggi di Arkin "graffianti e inflessibili" che descrivono NBC e MSNBC "Come propaganda di guerra pro-guerra che esiste per fare poco più che amplificare e servire le agenzie di stato di sicurezza che sono più devote all'opposizione a Trump, inclusa la loro irragionevole opposizione ai tentativi di Trump (con qualsiasi motivazione) di riportare indietro alcuni degli eccessi dell'imperialismo , aggressione e coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra infinita, oltre a sacrificare tutti gli standard giornalistici e lo scetticismo sui generali e sulla macchina da guerra degli Stati Uniti, se così facendo interferisce nella loro missione monomaniaca di denunciare Trump ".

Sottolineando che la posizione favorevole alla guerra della rete dei media corporativi americani "è stata a lungo ovvia e profondamente inquietante", osserva Greenwald, "Tuttavia, un membro della rete ha fischiato il modo in cui tutto questo funziona, e come MSNBC e NBC sono diventati Ground Zero per queste patologie politiche del militarismo e della servitù alle agenzie statali di sicurezza, mentre non sorprende, è comunque importante dato quanto sia dettagliato ed enfatico nelle sue condanne ".

Ecco il testo completo della lettera di dimissioni di Arkin, come riportato da CNN e confermato da NBC:

Gennaio 4 è il mio ultimo giorno alla NBC News e vorrei salutare i miei amici, speriamo non per sempre. Questa non è la prima volta che ho lasciato la NBC, ma questa volta la separazione è più agrodolce, il mondo e lo stato del giornalismo in crisi tandem. La mia esperienza, anche se sembra essere tanto più centrale per le sfide e i pericoli che affrontiamo, sembra anche essere meno apprezzata al momento. E mi ritrovo completamente fuori da [sync] con la rete, non essendo né un giornalista quotidiano né interessato al circo di Trump.

Ho iniziato la mia associazione con NBC 30 alcuni anni fa, alimentando storie di Guerra Fredda a Bob Windrem e Fred Francis al Pentagono. Sono diventato un analista in onda durante la 1999 Kosovo War, continuando a lavorare in seguito con Nightly News, deliziato e spesso fastidioso nella mia peculiare posizione di essere un semplice civile tra THE GENERALS e gli ex funzionari governativi. Uno studioso di cuore, mi sono trovato anche una voce spesso solitaria che era anti-nucleare e persino anti-militare, anti-militare per me che significava supponente ma anche altamente competente, in qualche modo affine a un critico cinematografico, amante della mia materia ma anche non timida su come giudicare i flop e i perdenti.

Quando sono arrivati ​​gli attacchi di 9 / 11, sono stato richiamato alla NBC. Ho trascorso settimane in e fuori dal mondo parlando di al Qaeda e delle varie guerre in cui ci stavamo precipitando, sostenendo che la forza aerea e i droni sarebbero stati il ​​fulcro non le truppe. Nel nuovo ambiente marziale in cui solo un grido di guerra è stato sanzionato, allora ero fuori sincrono. Mi sono ritirato un po 'a scrivere una rubrica per il Los Angeles Times, ma anche lì ho dovuto combattere editori che non potevano credere che ci sarebbe stata una guerra in Iraq. E parlai dell'assenza di qualsiasi tipo di strategia per sconfiggere effettivamente il terrorismo, infastidendo i crescenti branchi di quelli che sembravano accettare che uno stato di guerra perpetua fosse una necessità.

Pensai allora che c'era un grande pericolo nell'abbraccio del processo e della burocrazia sui valori e sul desiderio pubblico, e scrissi del crescente potere della comunità di sicurezza nazionale. Molto prima che Trump e lo "stato profondo" diventassero un'espressione, ho prodotto un'indagine assurda - Top Secret America - per il Washington Post e ho scritto un brutto libro - American Coup - sullo strisciante fascismo della sicurezza nazionale.

Guardando indietro ora erano entrambi messaggeri per quello che il presidente Obama (e poi Trump) affrontarono in termini di non riuscire a fare un cambiamento duraturo.

Da qualche parte in tutto questo, e in particolare dall'inizio dell'ondata dei social media, era chiaro che la NBC (come il resto dei media) non poteva più tenere il passo con il mondo. A ciò si aggiungeva la sfida intellettuale di come denunciare il nostro nuovo tipo di guerre quando non esistevano fronti reali e nessuna misura effettiva di successo. Per me c'è anche un problema più grande: sebbene non producano nulla che assomigli all'effettiva sicurezza e sicurezza, i leader e i generali della sicurezza nazionale sono autorizzati a fare la loro cosa senza molestare. Nonostante sia alla "guerra", non emergono grandi leader o veggenti durante la guerra. Non c'è un'anima a Washington che possa dire di aver vinto o fermato qualsiasi conflitto. E anche se potrebbero esserci gli amati principi profumati nella forma del Petraeus e di Wes Clarks, o dei cosiddetti monaci guerrieri come Mattis e McMaster, abbiamo avuto più di una generazione di leader della sicurezza nazionale che, tristemente e fraudolentemente, hanno fatto poco di conseguenza. Eppure noi (e altri) li abbracciamo, anche i formatori altamente partigiani che si mascherano da "analisti". Facciamo così ignorando la verità empirica di ciò che hanno fatto: non c'è una contea in Medio Oriente che sia più sicura oggi di quanto non fosse 18 anni fa. In effetti il ​​mondo diventa sempre più polarizzato e pericoloso.

Poiché la guerra perpetua è stata accettata come un dato nella nostra vita, sono orgoglioso di dire che non ho mai deviato nelle mie argomentazioni alla NBC (o ai miei giornali) che i terroristi non saranno mai sconfitti finché non capiremo meglio perché sono spinto alla lotta. E ho mantenuto il mio punto di vista centrale sul fatto che la potenza aerea (nella sua accezione più ampia, compresi lo spazio e il cyber) non è solo il futuro, ma l'abilitatore e lo strumento della guerra oggi.

Cercando rifugio nelle sue radici politiche di corse di cavalli, NBC (e altri) nel frattempo riportano la storia della guerra come uno dei Rumsfeld contro i Generali, come Wolfowitz contro Shinseki, come la CIA contro Cheney, come i cattivi torturatori contro i più raffinato, sul numero di truppe e sul numero di morti, e anche su Obama contro il Congresso, il povero Obama che non poteva chiudere Guantanamo o ridurre le armi nucleari o resistere a Putin perché era proprio così difficile. Abbiamo contribuito a trasformare la sicurezza nazionale mondiale in questa sorta di storia politica. Trovo scoraggiante che non riportiamo i fallimenti dei generali e dei responsabili della sicurezza nazionale. Trovo sconvolgente il fatto che sostanzialmente tolleriamo il continuo bumbling americano in Medio Oriente e ora in Africa attraverso i nostri rapporti sull'humus.

Sono un ragazzo difficile, non incline al protocollo o alla procedura e do credito a NBC che mi ha tollerato attraverso le mie varie incarnazioni. Spero che la gente dirà nei primi tempi che ho reso Brokaw e la società più intelligente sulle armi nucleari, sulla potenza aerea e persino su al Qaeda. E sono orgoglioso di dire che anch'io sono stato uno dei pochi a riferire che non c'erano armi di distruzione di massa in Iraq e ricordo con affetto che hanno presentato questa conclusione a un incredibile comitato editoriale della NBC. Ho discusso incessantemente con MSNBC su tutto ciò che riguarda la sicurezza nazionale per anni, facendo il quotidiano bla, bla, bla in Secaucus, ma anche prendendo spunto dalla saggezza convenzionale di tutti, da Matthews a Hockenberry. Eppure mi sento come se non fossi riuscito a trasmettere questa più ampia verità sulla disperazione del nostro modo di fare le cose, particolarmente scoraggiato nel vedere la NBC e gran parte del resto dei media in qualche modo diventò un difensore di Washington e del sistema.

Windrem mi ha nuovamente convinto a tornare alla NBC per unirmi alla nuova unità investigativa nei primi giorni della campagna presidenziale 2016. Pensavo che la missione fosse quella di infrangere la macchina della perpetua accettazione della guerra e della saggezza convenzionale per sfidare l'hawkishness di Hillary Clinton. E 'stato anche un momento interessante per la NBC perché tutti guardavano da dietro le spalle a Vice e altri parenti che si avvicinavano al mainstream. Ma poi Trump è stato eletto e gli Investigations sono stati risucchiati nel vortice del tweeting, sempre più perso in una scarica di adrenalina senza direzione, la versione di sicurezza nazionale e politica di guidare la trasmissione con ogni tempesta di neve. E vorrei affermare che in molti modi NBC ha appena iniziato a emulare lo stesso stato di sicurezza nazionale: occupato e redditizio. Nessuna guerra ha vinto, ma la palla è rimasta in gioco.

Direi che sotto Trump, la sicurezza nazionale non solo non ha perso un colpo ma anzi ha guadagnato una forza pericolosa. Ora è sempre più autonomo e praticamente insensibile alle critiche. Discuterei anche, sempre con tanta cautela, che la NBC è andata un po 'persa nella sua stessa verve, proxy di moderazione noiosa e saggezza convenzionale, difensore del governo contro Trump, cheerleader per aperta e sottile mistificazione delle minacce, innamorato della procedura e del protocollo su tutto il resto (compresi i risultati). Accetto che ci sia molto da segnalare qui, ma sono più preoccupato di quanto ci manchi. Da qui il mio desiderio di fare un passo indietro e pensare perché così poco cambia rispetto alle guerre americane.

So che è caratteristico del nostro momento sovraeccitato sparare agli ex datori di lavoro e alle istituzioni tradizionali, ma tutto quello che posso dire è che nonostante molte frustrazioni, il mio tempo alla NBC è stato gratificante. Lavorare con Cynthia McFadden è stata l'esperienza di una vita. Ho imparato una tonnellata sulla televisione da lei e Kevin Monahan, i segreti segreti trucchi del mestiere e l'immagine molto grande di ciò che rende storie originali (e quanto potenti possono essere). I giovani giornalisti della NBC sono anche universalmente eccellenti. Grazie a Noah Oppenheim per il suo sostegno alla mia presenza contraria e dirompente. E a Janelle Rodriguez, che ha supportato una profonda esperienza. L'equipaggio di Nightly è stato anche un costante sostenitore delle mie storie troppo lunghe e di una grande squadra. Continuo a meravigliarmi quando Phil Griffin realizza il suo diabolico progetto per la rete via cavo di conquistare il mondo.

Sono orgoglioso del lavoro che ho svolto con la mia squadra e so che c'è ancora molto da fare. Ma per ora è il momento di fare una pausa. Sono sempre così felice di tornare a scrivere e pensare senza l'ufficialità dei tiranni editoriali o degli standard aziendali. E naturalmente desidero tornare al mio primo amore, che sta scrivendo noiosi rapporti sui programmi segreti, grato che il governo americano lo obblighi così bene nella sua costante fornitura. E mi sento particolarmente come se il mondo si stesse muovendo così velocemente che anche nel solo piccolo mondo della sicurezza nazionale in cui vivo, ho bisogno di più tempo per sedermi e riflettere. E per ricostituire.

Nel nostro quotidiano stato di trambusto e ostaggio come prigionieri di Donald Trump, penso - come tutti gli altri - che ci manchi così tanto. Le persone che non capiscono il medium o le pressioni, a voce alta sostengono che è il controllo aziendale o, peggio ancora, che è partigiano. A volte mi sbatto in risposta agli amici esterni (e alle fonti governative) che se con la parola "partigiano" intendono dire che sono i newyorkesi e gli abitanti di Washington contro il resto del paese, allora hanno ragione.

Per quanto mi riguarda, mi sono reso conto di quanto ero fuori passo quando guardavo le varie intuizioni bizzarrie di Trump: il suo desiderio di migliorare i rapporti con la Russia, di denuclearizzare la Corea del Nord, di uscire dal Medio Oriente, di interrogarsi sul perché stiamo combattendo in Africa, persino nei suoi attacchi alla comunità dell'intelligence e all'FBI. Certo che è un impostore ignorante e incompetente. Eppure sono allarmato dalla velocità con cui la NBC deve argomentare meccanicamente il contrario, essere a favore di politiche che significano solo più conflitto e più guerra. Veramente? Non dovremmo uscire dalla Siria? Non dovremmo fare la coraggiosa mossa di denuclearizzare la penisola coreana? Anche in Russia, anche se dovremmo essere preoccupati per la fragilità della nostra democrazia che è così vulnerabile alla manipolazione, desideriamo davvero la Guerra Fredda? E non farmi nemmeno iniziare con l'FBI: cosa? Ora facciamo il leone a questa istituzione storicamente distruttiva?

Anche senza Trump, la nostra più grande sfida mentre andiamo avanti è che siamo diventati genitori esausti dei nostri bambini infantili (e infantili) dei social media. E a causa del "ciclo", noi della NBC (e di tutti gli altri nel campo del giornalismo) soffriamo di un caso davvero brutto di non riuscire mai a riprendere fiato. Siamo molto lontani dal risolvere le regole della strada in questa età, che si tratti della nostra condotta personale o di qualsiasi cosa legata alle notizie difficili. Inoltre, non penso che siamo in linea retta verso il nirvana digitale, cioè che tutte queste informazioni democratizzino e migliorino la società. Sento che c'è già lo smartphone e la stanchezza dei social media che strisciano attraverso la terra, e la mia ipotesi è che nulla di ciò che vediamo attualmente - niente che sia scattante o chiacchierone - risolverà le nostre orribili sfide di sovraccarico di informazioni o il ruolo (e la natura) del giornalismo . E sono sicuro che una volta che Trump sarà uscito dal centro della scena, la società avrà una gigantesca sbornia mediatica. Quindi per NBC - e per tutti gli altri - ci sono sfide e opportunità in vista. Mi piacerebbe particolarmente pensare e scrivere di più a riguardo.

C'è un modo di dire sui consulenti, che le organizzazioni li assumono per ascoltare esattamente quello che vogliono sentire. Sono orgoglioso di dire che la NBC non l'ha fatto quando è venuto da me. Allo stesso modo posso dire di essere orgoglioso di non essere colpevole di dare ai miei datori di lavoro quello che volevano. Tuttavia, le cose che questa e la maggior parte delle organizzazioni temono di più - variabilità, disturbo, differenza - quelle cose che sono anche il motore principale della creatività - non sono in realtà le cose che vedo apprezzate nei ranghi di segnalazione.

Sono felice di tornare a scrivere e commentare. Quest'inverno, sono orgoglioso di dire che ho dato il tocco finale a un romanzo cospirativo 9 / 11 su cui ho lavorato duramente per oltre un decennio. È un romanzo, ma medita sulla questione di come capire i terroristi in un modo diverso. E sto intraprendendo due nuovi progetti di scrittura di libri, una fiction su un giornalista solitario e la sua fonte magica che spera di approfondire il segreto e la natura della televisione. E, se leggi fino a qui, scrivo un libro di saggistica, un lungo saggio sulla sicurezza nazionale e perché non sembriamo mai porre fine al nostro ormai perenne stato di guerra. C'è molta critica ai media là fuori, tonnellate di analisi della leadership e della Presidenza. Ma sullo stato della nostra sicurezza nazionale? Non così tanto. Spero di ritrovarmi a pensare al di là dell'attuale fuoco e della furia e in realtà suggerire un'alternativa valida. Augurami buona fortuna.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Ospite Messaggio

Citizen Truth pubblica articoli con il permesso di una varietà di siti di notizie, organizzazioni di difesa e gruppi di controllo. Scegliamo articoli che riteniamo siano informativi e di interesse per i nostri lettori. Gli articoli scelti a volte contengono un misto di opinioni e notizie, tali opinioni sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.