Digitare per la ricerca

NAZIONALE

Con Nielsen Out, chi è il nuovo capo DHS Kevin McAleenan?

La dogana e la protezione dei confini degli Stati Uniti ospita la cerimonia annuale di commemorazione del monumento e della corona per onorare agenti e ufficiali caduti a Washington, DC, maggio 16, 2018. All'evento hanno partecipato il segretario del Dipartimento della sicurezza nazionale Kirstjen Nielsen, il commissario statunitense per la protezione delle frontiere e la protezione delle frontiere Kevin K. McAleenan e altri dirigenti del DHS e del CBP e famiglie dei caduti. (Foto: governo degli Stati Uniti)
La dogana e la protezione dei confini degli Stati Uniti ospita la cerimonia annuale di commemorazione del monumento e della corona per onorare agenti e ufficiali caduti a Washington, DC, maggio 16, 2018. All'evento hanno partecipato il segretario del Dipartimento della sicurezza nazionale Kirstjen Nielsen, il commissario statunitense per la protezione delle frontiere e la protezione delle frontiere Kevin K. McAleenan e altri dirigenti del DHS e del CBP e famiglie dei caduti. (Foto: governo degli Stati Uniti)

Kevin McAleenan sembra avere il sostegno di molti democratici del Congresso, e l'esperienza nell'applicazione della legge sull'immigrazione che gli è valsa il rispetto per tutto il dipartimento.

Il segretario ad interim del Dipartimento per la sicurezza nazionale Kirstjen Nielsen ha rassegnato le dimissioni domenica, dopo settimane di cattiva gestione dei migranti e aumento delle tensioni al confine sud-occidentale degli Stati Uniti, entrando nel suo posto Kevin McAleenan.

L'eredità più significativa di Nielsen sarà la politica di separazione familiare condotta sotto la sua sorveglianza, dove diverse migliaia di bambini sono stati rimossi dai loro genitori e tutori in stato di detenzione. A gennaio, i rapporti hanno rilevato che il governo non poteva rintracciare o confermare la riunificazione di oltre un migliaio delle famiglie colpite.

Tuttavia, in seguito alla protesta e alla cessazione di questa pratica a giugno 2018, gli sforzi più recenti di Nielsen sono stati rivolti al Congresso per adeguare la legislazione sull'immigrazione e affrontare il crescente numero di famiglie dall'America centrale e dal Brasile che ora chiedono asilo negli Stati Uniti.

"Spero che il prossimo segretario abbia il sostegno del Congresso e dei tribunali nel fissare le leggi che hanno impedito la nostra capacità di proteggere pienamente i confini dell'America e che hanno contribuito a discordare nel discorso della nostra nazione", Nielsen ha scritto nelle sue dimissioni.

Kevin McAleenan

Infatti, il suo successore Kevin McAleenan sembra avere il sostegno di molti democratici del Congresso, e l'esperienza nell'applicazione della legge sull'immigrazione che gli è valsa il rispetto per tutto il dipartimento.

Successore di Nielsen

Foto storica del commissario del CBP Kevin K. McAleenan: commissario per la protezione delle dogane e degli Stati Uniti Kevin K. McAleenan, ritratto ufficiale non datato. Foto di protezione doganale e doganale degli Stati Uniti da James Tourtellotte

A marzo, le autorità statunitensi hanno arrestato quasi tutti i migranti 100,000 alla frontiera, secondo le statistiche preliminari del DHS. Questa è la cifra mensile più alta in più di dieci anni.

Kevin McAleenan, il sostituto commissario delle dogane e della protezione dei confini degli Stati Uniti, ha affrontato lo stato sopraffatto delle strutture dell'ICE senza linguaggio partigiano o generalizzazioni spiacevoli riguardanti le famiglie in cerca di asilo.

Dopo la visita di Trump al confine di Calexico la scorsa settimana, il presidente pattuglia di confine istruita agenti per dire ai migranti che il paese era pieno. Recentemente ha affermato che i tribunali per l'immigrazione dovrebbero operare senza giudici. Secondo quanto riferito, ha anche esortato il DHS a prendere in considerazione un'altra versione della separazione familiare strategia utilizzata per dissuadere la migrazione l'anno scorso.

Invece, McAleenan ha vocalizzato ai legislatori che il DHS ha bisogno dell'autorità e delle risorse per detenere tutte le famiglie durante l'estensione delle loro richieste di immigrazione e asilo. Senza rilasciare famiglie negli Stati Uniti dopo il loro colloquio di causa credibile e deportando le famiglie che non si qualificano per l'asilo nei loro paesi, McAleenan sostiene che altri saranno dissuasi a migrare verso nord.

Protezione doganale e delle frontiere degli Stati Uniti Kevin McAleenan tiene un discorso alla vigilia del Vertice sulla sicurezza dell'aviazione - Associazione americana dei dirigenti aeroportuali (AAAE) a Arlington, in Virginia a dicembre 6, 2017 ... Fotografo: Donna Burton

"Se non hanno un reclamo valido, faremo il rimpatrio", McAleenan disse. "Se lo faranno, verranno rilasciati con la certezza che hanno l'asilo con la capacità di pianificare, di investire in un'azienda, di fare queste scelte per le scuole. In questo momento, non hanno questo. Vivono con incertezza per anni e anni perché il sistema è rotto e sopraffatto ".

Neilsen aveva un piano simile per fermare il rapido passaggio di alcune famiglie attraverso la detenzione e negli Stati Uniti. Tuttavia, non era in grado di convincere i legislatori ad assisterla.

Alla luce del nuovo desiderio di Trump per l'applicazione della linea dura e il blocco totale di tutte le migrazioni negli Stati Uniti, alcuni si chiedono se Kevin McAleenan sopravviverà nel gabinetto.

Kevin McAleenan assumerà la posizione di segretario ad aprile 11.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.