Digitare per la ricerca

NAZIONALE

Come i migranti centroamericani hanno contribuito a rilanciare il movimento operaio americano

Justice for Janitors Anniversary Rally
Justice for Janitors Anniversary Rally. Giugno 15, 2010. (Foto: SEIU Local 1)

Attingendo a dure esperienze nei loro paesi d'origine, gli immigrati centroamericani negli Stati Uniti hanno svolto ruoli chiave nell'organizzazione dei movimenti del lavoro.

(Elizabeth Oglesby, The Conversation) Nel acceso dibattito nazionale degli Stati Uniti sull'immigrazione, predominano due punti di vista sui migranti centroamericani: il presidente Donald Trump li descrive come minaccia alla sicurezza nazionale, mentre altri rispondono che lo sono rifugiati dalla violenza.

Poco si dice sui sostanziali contributi che i centroamericani hanno dato alla società americana negli ultimi anni di 30.

Per uno, gli immigrati guatemaltechi e salvadoregni hanno contribuito ad espandere il movimento operaio americano, organizzando campagne di ampia portata sui diritti dei lavoratori in settori dominati dai migranti che i sindacati tradizionali avevano ritenuto intoccabili.

Migranti e sindacati

Puoi trovare più di 1 milioni I salvadoregni e i guatemaltechi arrivarono negli Stati Uniti tra 1981 e 1990, in fuga da massacri dell'esercito, persecuzioni politiche e guerra civile.

Dal momento che gli 1980, ho ricercato, insegnato e scritto questa ondata di migranti. Allora, il presidente Ronald Reagan avvertì in modo apocrifo che l'America centrale era una minaccia per gli Stati Uniti, raccontando al Congresso in 1983 che "El Salvador è più vicino al Texas rispetto al Texas rispetto al Massachusetts".

Solo il 2 percento di salvadoregni e guatemaltechi ha ricevuto asilo negli 1980 - così pochi che una causa legale di 1990 relativa alla discriminazione ha costretto il governo degli Stati Uniti a riaprire decine di migliaia di casi. Oggi, circa 10 per cento 25 delle loro richieste di asilo sono accolte.

Quindi, come oggi, molti immigrati privi di documenti negli Stati Uniti hanno lavorato nell'agricoltura o nelle industrie di servizi, spesso in condizioni di sfruttamento. La sindacalizzazione ha appena toccato questi settori negli 1980.

Più in generale, il potere contrattuale dei sindacati stava soffrendo sotto Reagan, il cui presidenza iniziato con il suo sparo di 11,0000 colpendo i controllori del traffico aereo. Ridimensionamento e outsourcing presso aziende americane anche negli 1980 appartenenza sindacale erosa e spinto verso il basso i salari.

Molti guatemaltechi e salvadoregni erano organizzatori veterani della comunità. Avevano affrontato il terrore del governo a cui partecipare sindacati, leghe contadine, Campagne cattoliche di giustizia sociale or diritti indigeni iniziative - tutte le correnti del rivoluzionario Centro America di 1980.

Attingendo a queste esperienze, molti immigrati centroamericani hanno iniziato ad organizzarsi nei luoghi di lavoro statunitensi, chiedendo salari più alti e condizioni più sicure.

I salvadoregni guidarono la giustizia per i bidelli alla vittoria

Gli immigrati salvadoregni in California sono stati fondamentali Giustizia per bidelli, un pionieristico movimento dei lavoratori a basso reddito che ha ispirato oggi Campagna sul salario minimo di $ 15.

La giustizia per Janitor è iniziata a Los Angeles in 1990. Aveva lo scopo di invertire le gocce salariali subite dai bidelli nell'ultimo decennio.

Piuttosto che combattere con i piccoli subappaltatori che assumevano squadre di pulizia per grandi edifici per uffici, Justice for Janitors aveva preso di mira le società che possedevano quegli edifici. Guidati da sindacalisti salvadoregni esperti, alcuni dei quali lo avevano fatto è fuggito dalla violenza della squadra della morte a casa - il movimento ha usato disobbedienza civile non violenta e scioperi per esporre pratiche di sfruttamento del lavoro.

Parlare potrebbe essere pericoloso. La polizia una volta clubbing partecipanti a marcia pacifica attraverso il quartiere di Century City a Los Angeles il giugno 15, 1990. I lavoratori privi di documenti temevano la deportazione.

Ma ha funzionato. I bidelli di Los Angeles hanno vinto a 22 aumento di percentuale dopo il loro sciopero 1990 in tutta la città, mostra i sindacati tradizionali che persino i lavoratori più emarginati della città - i centroamericani privi di documenti, molti dei quali donne - avevano un vero potere organizzativo.

Nel prossimo decennio, alcuni I bidelli 100,000 a livello nazionale si sono uniti alla campagna, sotto lo stendardo del Service Employees Industrial Union. Il movimento ha negoziato contratti che aumentavano i salari e le indennità-malattia per i bidelli negli Stati Uniti

I guatemaltechi difendevano i contadini della Florida

Centinaia di migliaia di persone sono fuggite dal Guatemala durante i primi 1980, sfuggendo a campagna dell'esercito genocida contro le comunità indigene che hanno lasciato carbonizzate e vuote intere regioni dei suoi altopiani.

Circa 20,000 di questi rifugiati guatemaltechi - molti dei quali hanno parlato lingue Maya indigene - atterrato Florida in 1982, trovando lavoro in soffici allevamenti di pomodori e agrumeti.

Fino al 90 percento dei pomodori freschi nei supermercati statunitensi viene dalla Florida.

Le condizioni di lavoro nei campi di pomodori dello stato erano tristi negli 1980. migranti guadagnato solo X centesimi di centesimo per secchio 32 di pomodori raccolti. Alcuni erano costretti dalle guardie armate a lavorare contro la loro volontà, come 1997 caso giudiziario sull'uso del lavoro degli schiavi nei campi di pomodori della Florida esposto.

In 1993, gli immigrati guatemaltechi si sono uniti ai lavoratori agricoli haitiani e messicani della Florida per formare il Coalizione dei lavoratori Immokalee, un'alleanza di comunità che è iniziata nel seminterrato di una chiesa locale a Immokalee, in Florida. esso strategie utilizzate comune ai movimenti di protesta dell'America Latina, compreso il teatro di strada e le trasmissioni radiofoniche socialmente consapevoli, per unire i lavoratori agricoli della Florida.

Dopo cinque anni di interruzioni del lavoro, scioperi della fame e marce, i raccoglitori di pomodori della Florida hanno vinto aumenti salariali di fino al 25 per cento. Un boicottaggio pluriennale a livello nazionale di Taco Bell convinto la catena di fast food di 2005 ad aumentare i guadagni dei contadini che forniscono i suoi ingredienti. Altri giganti del fast food hanno seguito l'esempio.

In 2015, la coalizione Immokalee ha lanciato il Programma alimentare equo, un accordo a livello di settore con i coltivatori di pomodori della Florida per promuovere rigorosi standard di salute e sicurezza e consentire ai monitor esterni di controllare le condizioni di lavoro.

In 2015, il presidente Barack Obama ha dato alla Coalizione dei lavoratori Immokalee il Premio presidenziale per gli sforzi straordinari nella lotta alla schiavitù moderna.

I guatemaltechi hanno organizzato le piante di pollame della Carolina del Nord

Come migranti guatemaltechi diffuso in tutto il sud durante la fine degli 1980, reclutati da appaltatori di lavoro in altri stati, presto divennero una potente forza organizzativa anche nella Carolina del Nord.

Case Farms - un'azienda avicola che rifornisce KFC, Taco Bell, Boar's Head e il programma per il pranzo della scuola federale - era un notoriamente pericoloso posto di lavoro. Le norme di sicurezza sono state regolarmente ignorate per aumentare la produzione e gli operatori hanno subito gravi lesioni, tra cui la perdita di arti a macchine da taglio.

A 1990, gli immigrati guatemaltechi nello stabilimento di Case Farms a Morganton, nella Carolina del Nord, hanno organizzato un sindacato.

Come lo storico del lavoro Leon Fink descrive nel suo libro "I Maya di Morganton: lavoro e comunità nel Nuevo New South, "I lavoratori del pollame guatemalteco hanno attinto a precedenti esperienze di organizzazione a casa - compresi scioperi nelle piantagioni di caffè e movimenti di orgoglio Maya - per organizzare i lavoratori.

Dopo cinque anni di scioperi, marce e scioperi della fame, i lavoratori di Case Farm in 1995 hanno votato per aderire all'Unione internazionale dei lavoratori del Nord America. La compagnia si rifiutò di negoziare, tuttavia, e il sindacato si ritirò dai colloqui contrattuali dopo sei anni.

In 2017, il senatore Sherrod Brown dell'Ohio ha sfidato Case Farms a spiegare le sue presunte violazioni della legge statunitense, dopo un'indagine del New York Times e ProPublica esposta in corso pratiche di lavoro abusive lì.

Queste storie di sindacalizzazione mostrano i migranti centroamericani sotto una nuova luce, non come criminali o vittime, ma come persone che hanno contribuito a rendere gli Stati Uniti un posto più sicuro per i lavoratori.The Conversation


Elizabeth Oglesby, Professore associato di studi e geografia latinoamericana, University of Arizona

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:
Ospite Messaggio

Citizen Truth pubblica articoli con il permesso di una varietà di siti di notizie, organizzazioni di difesa e gruppi di controllo. Scegliamo articoli che riteniamo siano informativi e di interesse per i nostri lettori. Gli articoli scelti a volte contengono un misto di opinioni e notizie, tali opinioni sono quelle degli autori e non riflettono le opinioni di Citizen Truth.

    1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.