Digitare per la ricerca

AMBIENTE

Trump sta favorendo l'industria petrolifera durante l'arresto del governo?

piattaforma petrolifera
(Immagine via pxhere)

I critici dell'amministrazione Trump stanno sostenendo che il settore petrolifero sta ricevendo un trattamento preferenziale durante la chiusura del governo.

Negli ultimi sei anni gli Stati Uniti hanno subito arresti di due governi. Mentre la maggior parte della gente si aspetta che i dipartimenti federali subiscano le stesse conseguenze durante ogni chiusura, è chiaro che l'industria petrolifera durante l'arresto di Trump è migliorata rispetto alla precedente chiusura.

I governi sono tenuti a servire tutti allo stesso modo. Tuttavia, ciò non è il caso del parziale arresto del governo negli Stati Uniti. Il settore petrolifero ha fornito prove evidenti di una disparità tra il governo Barack Obama e la chiusura del governo di Donald Trump.

Alcuni esperti hanno perfino accusato l'amministrazione Trump di favorire illegalmente l'industria petrolifera durante l'attuale chiusura del governo.

"Uno dei principi del governo è che servi tutti allo stesso modo," ma non è quello che sta succedendo qui, ha detto Matt Lee-Ashley, ex vice capo dello staff del Dipartimento degli Interni, a Bloomberg News. "L'industria petrolifera continua a funzionare come al solito e tutti gli altri vengono bloccati, quindi è fondamentalmente non equo e potrebbe essere anche illegale".

Settore petrolifero in piena espansione

Sebbene il governo federale sia stato chiuso, il governo ha continuato a rilasciare permessi nel settore petrolifero, sollevando serie domande sulla promozione dell'industria petrolifera.

Mentre alcune persone sostengono che il favoritismo è illegale ai sensi della legge federale, mostra anche come Donald Trump si concentri sulla necessità di ridurre al minimo i disagi nei settori ritenuti critici.

I rapporti indicano che il Dipartimento degli Interni ha continuato a rilasciare permessi per trivellazioni petrolifere su terreni federali. L'emissione fa parte dell'offerta del governo per assicurare che le operazioni nel settore petrolifero continuino senza interruzioni, specialmente nel Golfo del Messico.

Il governo sta inoltre procedendo con le attività di sviluppo del petrolio nell'Artico National Wildlife Refuge e in alcune parti dell'Alaska. Il Dipartimento degli Interni ha già organizzato incontri di partecipazione pubblica in quanto cerca di raccogliere l'opinione pubblica nei progetti proposti. Considerando che, altri dipartimenti e progetti hanno sospeso le riunioni pubbliche e il trattamento di tutte le applicazioni che necessitano di approvazione federale, come le nuove droghe.

Il Dipartimento degli Interni non è l'unica istituzione federale che ha continuato a operare anche con l'arresto del governo sul posto. Il Bureau of Safety and Environmental Enforcement ha trattenuto personale per elaborare nuovi permessi per trivellare nelle acque costiere. Secondo quanto riferito, il dipartimento si affida alle entrate degli utenti per finanziare le proprie operazioni in aggiunta ad altri fondi non appropriati.

Tuttavia, ci sono casi in cui la chiusura del governo ha raggiunto il pieno effetto. Ad esempio, è sorprendente che il Bureau of Ocean Energy Management abbia sospeso una buona parte delle sue operazioni. Il risultato ha visto una sospensione degli incontri pubblici pianificati in cerca di vedute sullo sviluppo del Vineyard Winds Project. Il progetto proposto è per la creazione di una grande fattoria eolica al largo delle coste del Massachusetts

Lo spegnimento parziale ha anche messo in attesa le revisioni ambientali pianificate di un gasdotto 7 miliardi di Dominion Energy Atlantic proposto. Il Dipartimento degli Interni ha inoltre bloccato l'emissione dei permessi necessari per le indagini sismiche sulle esplorazioni petrolifere nell'Oceano Atlantico.

Arresto del governo di Obama

Al contrario, era molto diverso nel settore petrolifero quando l'amministrazione del presidente Obama passò attraverso una chiusura del governo. Durante l'arresto di 2013, il Bureau of Land Management non ha elaborato i permessi per la trivellazione petrolifera in nessuna terra federale. L'agenzia ha inoltre annullato locazioni di petrolio e gas di almeno un'asta nel New Mexico.

Un rapporto dell'Ufficio della gestione e del bilancio della Casa Bianca indica che la chiusura del governo 2013 ha provocato la sospensione dell'elaborazione di circa le domande 200 per i permessi di trivellazione petrolifera. L'arresto ha inoltre comportato il rinvio di più di una vendita di leasing di petrolio e gas.

La chiusura ha attirato l'attenzione del presidente Obama che ha avvertito che stava facendo molti danni data la mancanza di attività nel settore petrolifero. Tuttavia, il governo ha fatto ben poco per assicurare che alcuni dipartimenti continuassero ad operare, come nel caso dell'amministrazione Trump.

Secondo le leggi statunitensi, i dipartimenti federali possono continuare a operare, in caso di arresto, se le loro operazioni sono ritenute necessarie. I dipartimenti che non assumono obblighi finanziari possono anche continuare le normali operazioni. Ciò significa che i dipartimenti o le operazioni che non dipendono dagli stanziamenti di bilancio del Congresso possono continuare a funzionare. Alcune di queste operazioni includono quelle finanziate dalle commissioni dell'utente o da altri fondi pluriennali.

Qualsiasi funzionario o agenzia che violi la legge antideficienza 100, che impedisce al governo di assumere obblighi finanziari superiori a quanto disponibile, è sempre a rischio di incorrere in una multa di $ 5000 o di due anni di reclusione. Nessuno è mai stato perseguito in base alla legge, nonostante la numerosa quantità di arresti del governo nel corso degli anni.

Anche con un arresto totale del governo, ci sono dipartimenti e operazioni governative che devono rimanere sempre aperti. Detto questo, è emerso un nuovo dibattito sul tipo di lavoro che può continuare in tempi di chiusura del governo, dati gli sviluppi nel settore petrolifero con l'attuale arresto parziale.

Lobbying per l'apertura del governo

Mentre il settore petrolifero ha subito interruzioni minime a causa della parziale chiusura, gli osservatori del settore hanno iniziato a sollevare la bandiera rossa. Se lo stallo con il Congresso dovesse persistere, i dirigenti del settore avvertirebbero che potrebbe iniziare a sentire il colpo.

I funzionari del petrolio e del gas stanno sollecitando sempre più il presidente Trump e il Congresso a risolvere la chiusura. Secondo Mike Sommers, presidente dell'American Petroleum Institute, un arresto più esteso non è positivo per l'industria. Ha anche avvertito delle conseguenze negative di una continua disputa commerciale con la Cina.

"Le tariffe di ritorsione della Cina comportano il rischio di perdere un mercato energetico vitale, il che può significare perdere l'influenza americana dove ne abbiamo bisogno", ha detto Sommers durante il suo discorso ai giornalisti lo scorso martedì. "Dobbiamo fare in modo che le tariffe di ritorsione sul GNL non continuino e certamente non si espandano", ha detto ai giornalisti.

Uno spegnimento più esteso inciderebbe sulla capacità dell'Agenzia di protezione ambientale e del Dipartimento dell'interno di regolamentare il settore. Mentre i dipartimenti hanno operato parzialmente in mezzo alla chiusura in corso, non è sufficiente secondo gli osservatori.

Gli effetti di una chiusura prolungata del governo potrebbero anche colpire i consumatori. Ad esempio, potrebbe verificarsi un calo della produzione di petrolio, gas e energie rinnovabili, qualcosa che potrebbe danneggiare le forniture portando a un picco dei prezzi.

L'attuale amministrazione rimane desiderosa di garantire la massima esplorazione e trivellazione di petrolio e gas nelle acque federali come parte del suo programma energetico. Non sorprende che l'amministrazione Trump stia facendo tutto il possibile per assicurare il normale funzionamento nel settore petrolifero, dato l'ardente sostegno di Trump all'industria.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.