Digitare per la ricerca

STORIA TRENDING-STORIA

L'affare segreto che costituiva la relazione speciale tra Stati Uniti e Arabia Saudita

Il re Faisal Ibn Abd al-Aziz dell'Arabia Saudita, il presidente Nixon, la signora Nixon. Cerimonia di benvenuto che accoglie re Faisal dell'Arabia Saudita in 1971. Di Knudsen, Robert L. (Robert LeRoy), 1929-1989 [Pubblico dominio], tramite Wikimedia Commons

In 1974, un leggendario mercante di obbligazioni di Salomon Brothers ha negoziato un accordo segreto di "do-or-die" che avrebbe rimodellato le relazioni USA-Arabia Saudita per generazioni, e non sarebbe diventato di dominio pubblico fino a rapporto da Bloomberg in 2016.

Era luglio 1974 quando il nuovo Segretario al Tesoro degli Stati Uniti William Simon e il suo vice, Gerry Parsky, intrapresero un viaggio che fu propagandato come un giro diplomatico in Europa e nel Medio Oriente. Il vero scopo di questo viaggio è stato tenuto in stretta riservatezza all'interno della cerchia ristretta del presidente Richard Nixon.

Embargo petrolifero dell'OPEC

Embargo petrolifero dell'OPEC

IL PIANO DISPARI DI OREGON RIDUCE LE LINEE NELLE STAZIONI DI GAS DURANTE LA CRISI DEL CARBURANTE NELLA CADUTA E INVERNO DI 1973-74. QUESTA STAZIONE AVEVA SERVITO DI AUTOMOBILI CON ULTIME CIFRE NUMERATE SUI LORO PIATTI DI LICENZA IN UNA GIORNATA DI CALENDARIO CON NUMERO ANCHE, National Archives at College Park [di pubblico dominio], tramite Wikimedia Commons

Era stato un anno teso a causa della crisi petrolifera: un embargo delle nazioni arabe dell'OPEC - la retribuzione per gli aiuti militari statunitensi agli israeliani durante la recente guerra dello Yom Kippur - ha quadruplicato i prezzi del petrolio. L'inflazione salì alle stelle, il mercato azionario si schiantò e l'economia americana era in crisi.

L'embargo petrolifero segnò un cambiamento epocale negli affari mondiali poiché riconobbe per la prima volta il potere geopolitico del petrolio e la dipendenza delle nazioni del primo mondo dal petrolio del Medio Oriente.

Nixon fa galleggiare il dollaro

L'accadimento in concomitanza con l'embargo è stato un calo della produzione nazionale di petrolio in Europa e negli Stati Uniti e la decisione di Nixon di "fluttuare" il dollaro. La fluttuazione del dollaro significava che il valore del dollaro USA non era più fissato all'oro, ma poteva fluttuare in base ai mercati internazionali.

In precedenza ogni dollaro USA era sostenuto dall'oro. Inizialmente, il sistema ha funzionato bene perché gli Stati Uniti possedevano più della metà dell'oro mondiale. Tuttavia, negli ultimi 1960 e nei primi 1970, i paesi stranieri hanno iniziato a mettere in discussione il sistema e chiedere la redenzione dei loro dollari per l'oro, che rischiava di essere disastroso per il sistema finanziario statunitense. Per fermare la corsa sull'oro americano, Nixon ha congelato il dollaro e alla fine l'ha tolto dal gold standard e ha reso il dollaro la valuta fluttuante che è ancora oggi.

Pressione per stringere un accordo con l'Arabia Saudita

Durante una sosta di quattro giorni nella città costiera di Jeddah, in Arabia Saudita, l'obiettivo di Simon era neutralizzare il greggio come arma economica e trovare un modo per persuadere il regno ostile a finanziare il crescente deficit dell'America con la sua nuova ricchezza di petrodollari.

Secondo Parsky, Nixon ha chiarito che non sarebbe tornato a mani vuote. Lo stato finanziario americano era in pericolo, per non parlare del fatto che l'Unione Sovietica avrebbe potuto cogliere l'opportunità con il mondo arabo se gli Stati Uniti avessero fallito.

Precedentemente che gestiva il prestigioso banco del tesoro di Salomon Brothers, Simon comprendeva l'attrattiva del debito del governo degli Stati Uniti e il modo di vendere i sauditi all'idea che l'America fosse il posto più sicuro in cui investire i loro petrodollari.

La sua esperienza ha aiutato l'amministrazione a elaborare un piano senza precedenti che avrebbe influenzato quasi ogni aspetto delle relazioni tra Stati Uniti e Arabia Saudita nei prossimi quattro decenni.

Gli Stati Uniti hanno un accordo segreto con l'Arabia Saudita

Il piano era che gli Stati Uniti avrebbero acquistato petrolio dall'Arabia Saudita e avrebbero fornito aiuti e attrezzature militari al regno. In cambio, i sauditi avrebbero riacquistato miliardi di dollari dei loro guadagni in petrodollari e finanziarono le spese americane.

Dopo mesi di negoziati durante riunioni discrete, è rimasta una clausola cruciale: il re Faisal bin Abdulaziz Al Saud ha chiesto che gli acquisti del Tesoro del paese rimangano "strettamente segreti", secondo un cavo diplomatico ottenuto da Bloomberg dal database degli Archivi nazionali.

Erano passati solo pochi mesi dalla guerra dello Yom Kippur, e c'era ancora molta animosità tra gli arabi verso gli Stati Uniti per il suo sostegno a Israele.

Quanto il debito USA detiene l'Arabia Saudita?

In effetti, l'accordo è rimasto segreto per quattro decenni fino a 2016. In risposta a una richiesta di Freedom-of-Information-Act presentata da Bloomberg News, il Tesoro ha scoppiato le partecipazioni dell'Arabia Saudita per la prima volta in 2016 dopo "aver concluso che era coerente con la trasparenza e la legge per divulgare i dati", secondo la portavoce Whitney Smith. Il patrimonio di $ 117 rende il regno uno dei maggiori creditori stranieri d'America.

Ci sarebbero comunque domande senza risposta. La cifra ufficiale sottovalutava enormemente gli investimenti dell'Arabia Saudita nel debito del governo degli Stati Uniti, che potrebbe essere il doppio o più, ipotizzato da un ex funzionario del Tesoro.

Alcuni analisti hanno teorizzato che il regno potrebbe mascherare le sue posizioni di debito degli Stati Uniti accumulando Treasuries attraverso i centri finanziari offshore, che si rivelano nei dati di altri paesi.

Il debito degli Stati Uniti diventa l'arma segreta dell'Arabia Saudita

Fonte: Bloomberg tramite il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti

Sono aumentate le preoccupazioni su come l'Arabia Saudita potesse usare questo debito come arma politica: ad aprile 2016, l'Arabia Saudita ha avvertito che avrebbe iniziato a vendere fino a $ 750 miliardi in Treasuries e altri beni se il Congresso avesse approvato un progetto di legge che consentisse la responsabilità del regno. nei tribunali statunitensi per gli attacchi terroristici 11 di settembre, secondo al New York Times.

Questa minaccia è sorto in seguito a una rinnovata spinta dei candidati presidenziali e dei legislatori da parte dei partiti democratici e repubblicani per declassificare una sezione 28 di un rapporto del governo statunitense 2004 che si ritiene possa dettagliare possibili connessioni saudite agli attacchi. Il disegno di legge, che ha approvato il Senato a maggio 2016, è andato alla Camera dei rappresentanti.

Sia il Ministero delle Finanze dell'Arabia Saudita che l'Agenzia monetaria hanno rifiutato di commentare la potenziale vendita di titoli del Tesoro in risposta.

Inoltre, l'Arabia Saudita era alle prese con una brutale crisi fiscale in 2016 - con il più grande deficit di bilancio in un quarto di secolo, a causa di guerre costose per sconfiggere lo Stato islamico e campagne per procura contro l'Iran.

Di conseguenza, la "interdipendenza" decennale tra Stati Uniti e Arabia Saudita, dall'affare del debito di Simon, ha mostrato segni di dissidenza.

Gli Stati Uniti hanno fatto dei tentativi per riaffermare la stabilità con l'Iran, incluso l'accordo nucleare dell'ex presidente Barack Obama in 2015. Il boom dello shale americano ha anche reso l'America molto meno dipendente dal petrolio saudita.

Gerry Parsky, ora presidente di Aurora Capital Group, una società di private equity a Los Angeles, ha detto che l'accordo segreto con i sauditi avrebbe dovuto essere smantellato anni fa e fu sorpreso dal fatto che il Tesoro l'avesse mantenuto per così tanto tempo.

Ancora senza rimpianti, Parsky ha affermato a Bloomberg che l'accordo "era positivo per l'America".

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:

Potrebbe piacerti anche

0 Commenti

  1. Pat Ward Settembre 22, 2018

    Come mai gli Stati Uniti non hanno mai seguito l'Arabia Saudita per la distruzione di 9 / 11 poiché la maggior parte del terrorista 9 / 11 proveniva dall'Arabia Saudita? Semplicemente non capisco perché non siano mai stati ritenuti responsabili.

    Rispondi

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.