Digitare per la ricerca

AMBIENTE

Gli investigatori trovano la prova che la Monsanto paga agli scienziati di distorcere la scienza a loro favore

Monsanto

Monsanto sta affrontando la prima causa per sempre sul suo prodotto di punta e su Weedkiller Roundup il lunedì. Migliaia di pagine di documenti di scoperta relativi al caso sono stati analizzati da ricercatori che hanno scoperto che Monsanto ha speso enormi somme di denaro per promuovere, manipolare e convalidare la presunta sicurezza scientifica dei suoi prodotti. Gli esperti di ricerca hanno scoperto tre tendenze che la Monsanto ha impiegato per distorcere la scienza a favore del suo diserbante Roundup e pubblicato i loro risultati in Environmental Health News.

Sheldon Krimsky, professore di scienze umane e sociali di Lenore Stern nonché professore aggiunto di politiche pubbliche e medicina comunitaria presso la Tufts University, ha pubblicato una revisione di questi documenti nel Journal of Public Health Policy. Insieme ai colleghi ha analizzato le migliaia di documenti di scoperta che sono stati composti in gran parte da comunicazioni interne della Monsanto che spiegano come l'azienda sovverte gli scienziati per promuovere i suoi prodotti.

Monsanto Ghostwrites Journal Papers pagando gli scienziati che usano i loro nomi

Una delle pratiche rivelate nelle comunicazioni interne di Monsanto era la politica aziendale di pagare gli scienziati per mettere i loro nomi su documenti di ricerca ghostwritten dei dipendenti Monsanto, e che proclamava la sicurezza ambientale del glifosato, il principale ingrediente attivo di Roundup. Ciò era praticato quando i rapporti scientifici non mostravano il glifosato in una luce favorevole; per contrastare questa Monsanto pagherebbe agli scienziati di mettere i loro nomi sugli studi di Monsanto ghostwritten che furono poi pubblicati su riviste peer-reviewed.

"La nostra prima scoperta ha mostrato che quando la letteratura scientifica non forniva i risultati che la Monsanto desiderava, la compagnia parlava internamente di scrivere i propri articoli di giornale e pagare scienziati esterni per elencare i loro nomi sui documenti quando furono inviati per la pubblicazione" ha detto Krimsky.

Ghostwriting è quando il nome della persona che ha effettivamente scritto il rapporto non viene rivelato, cosa che Krimsky afferma è una pratica largamente considerata una forma di plagio da parte di riviste autorevoli. Parte del problema con ghostwriting è che l'indipendenza dello studio è messa in discussione quando non è possibile tenere traccia di chi ha scritto il report.

"Abbiamo trovato prove che mentre i documenti venivano presentati come indipendenti - in effetti, in almeno un caso, una serie di documenti erano intitolati come" indipendenti "- i dipendenti di Monsanto erano coinvolti nella stesura, redazione e determinazione delle conclusioni" ha detto Krimsky.

Monsanto Pressures Journal Editors per modificare o ritirare le carte sgradevoli

Un'altra pratica aziendale adottata dalla Monsanto, rivelata nei documenti, era quella di influenzare le pubblicazioni di riviste scientifiche per ritirare documenti sfavorevoli al glifosato.

In un caso particolare, la Monsanto ha fatto pressione su un editore di riviste per ritrattare completamente un documento, contro il volere degli scrittori, che la Monsanto giudicava sfavorevole. Krimsky ha detto che i documenti interni hanno rivelato gli sforzi di Monsanto per fare pressione sull'editore e la loro insistenza sul fatto che il ruolo della Monsanto è sconosciuto.

Inizialmente, un editore di un giornale sosteneva un dibattito scientifico sulla carta e sui suoi risultati. Settimane dopo, quando un ex-collaboratore della Monsanto venne nominato membro del comitato di redazione del giornale, il pezzo pubblicato fu ritrattato con il caporedattore dicendo che ritirò il pezzo perché trovava i risultati "inconcludenti".

Monsanto sovverte i regolatori del settore per influenzare i risultati ufficiali

Un terzo caso in cui Monsanto si è impegnato in interferenze è stato quando ha cercato di influenzare l'Environmental Protection Agency per convincere l'Agenzia per le sostanze tossiche e il Registro delle Malattie di eseguire un'analisi indipendente sul glifosato. Quella agenzia è il braccio tossicologico del Dipartimento di Salute e Servizi Umani.

"Da un lato, [Monsanto] si dichiara pubblicamente come un vigoroso paladino della scienza contro miti, fanatismo, emozioni, politica e qualsiasi incapacità di considerare il peso totale delle prove e, dall'altra, cerca in privato di proteggersi da eventuali confutazioni controllando segretamente il processo scientifico ... "scrisse Leemon McHenry, un membro del Dipartimento di Filosofia della California State University, che pubblicò la sua analisi dei documenti della Monsanto nel Rivista internazionale di Rish e sicurezza in medicina.

McHenry ha trovato altri esempi di Monsanto che interferivano per alterare la percezione pubblica del glifosato. Scoprì che Monsanto sosteneva un sito web all'Università dell'Illinois a Urban-Champagne per consentire a due cosiddetti "indipendenti" di fare la sua offerta nel criticare le recensioni sfavorevoli.

Krimsky ha concluso la relazione sostenendo "i firewall" tra scienza e settori aziendali.

"Per proteggere l'impresa scientifica, uno dei pilastri centrali di una moderna società democratica, contro le forze che la trasformerebbero nell'ancella dell'industria o della politica, la nostra società deve sostenere i firewall tra scienza accademica e settori aziendali ed educare giovani scienziati e riviste editori sui principi morali dietro i loro rispettivi ruoli professionali ".

Monsanto si trova di fronte alla prima causa per un miliardo di dollari durante il roundup

Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di prendere in considerazione il supporto di notizie indipendenti e di ricevere la nostra newsletter tre volte a settimana.

tag:

Potrebbe piacerti anche

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.